Perché è così importante che l’Italia mantenga rating “investment”

Perché è così importante che l’Italia mantenga rating “investment”
Operatori finanziari della borsa valori
29 ottobre 2018

Con la decisione di Standard & Poor’s si allontana per ora lo spettro di una raffica di declassamenti sui titoli di Stato dell’Italia tale da espellerli dalla categoria “investment”, quella ritenuta più sicura, relegandoli a “speculative”, chiamato in gergo “spazzatura” (junck). Uno scenario che potrebbe innescare un potenziale effetto domino di pressioni e rialzi di rendimenti e spread molto più forti di quelli visti finora, con ricadute molto più gravi e dolorose di un disaccordo con l’Ue sui saldi del Bilancio.

Al momento quindi la valutazione di affidabilità creditizia della Penisola è BBB con Sandard & Poor’s, con outlook negativo, Baa2 (un gradino sotto) con Moody’s, con outlook stabile, e BBB con Fitch, anche qui con outlook negativo. Oggi S&P ha precisato che una bocciatura potrebbe intervenire nell’arco di 24 mesi, Fitch invece ha annunciato che aggiornerà le sue valutazioni entro il primo trimestre del 2019: vuole aspettare la versione definitiva del Bilancio, dopo il passaggio parlamentare.

Se i titoli di Stato italiani finissero fuori dall’investment grade, in base alle regole della Bce una prima ricaduta immediata investirebbe le banche. Non potrebbero più utilizzare le emissioni pubbliche tricolori (se a un rating junk co tutte e tre le agenzie) come garanzie (collateral) per aggiudicarsi i rifinanziamenti della stessa Bce. In pratica, avrebbero una parte rilevante del loro bilancio esposta su un segmento del tutto inutile per aggiudicarsi i rifinanziamenti cruciali per effettuare poi erogazione di prestiti e operazioni nell’economia.

Leggi anche:
Voto in Calabria, Rubbettino chiude a Zingaretti: "Non mi candido, sinistra dilaniata"

Le banche italiane potrebbero ancora ottenere rifinaziamenti della Bce, ma fornendo come garanzie altri titoli con rating adeguati. Ovviamente l’inevitabile crollo di valore delle emissioni italiane – finire fori dall’investment grade costringerebbe tutti i fondi di investimento o pensione che hanno vincoli su questo aspetto a vendere i titoli della Penisola – creerebbe subito un effetto meccanico di perdita di valore per chiunque, banca o meno, li possieda. Ma per le banche questo eventuale calo di valore avrebbe un ulteriore risvolto negativo, perché potrebbe risultare di portata tale da compromettere i requisiti patrimoniali prudenziali previsti dalle regole sul settore bancario (Basilea III) forzandole a procedere a ricapitalzzazioni (in condizioni di mercato non certo favorevoli). Di recente uno studio individuava uno spread a 400 punti come soglia che farebbe scattare questo problema.

La seconda grande ricaduta negativa riguarderebbe gli stessi titoli pubblici italiani, a causa del piano di acquisti della Bce (il quantitative easing). L’istituzione attualmente è orientata ad interrompere gli acquisti netti dopo il mese di dicembre. Tanto per cominciare questo canale si chiuderà da subito per l’Italia se perdesse i requisiti di rating di acquistabilità (almeno un investment grade). Ma soprattutto a rischio c’è la parte di “trascinamento per inerzia” del Qe: la Bce ha ad oggi rilevato titoli di Stato per 2.138 miliardi, di cui 360 miliardi di titoli pubblici italiani. Questi bond giungeranno progressivamente a scadenze e l’impegno dell’istituzione, per mantenere condizioni di politica monetaria espansiva, è di rinnovare questi bond (e solo questi) a scadenza, per un periodo che al momento resta indeterminato.

Leggi anche:
ArcelorMittal acquista gruppo indiano Essar Steel per 6 miliardi di dollari. E in Italia toglie le tende

Se i titoli italiani perdessero i rating minimi di ammissibilità sugli acquisti della Bce, questa non potrebbe procedere agli acquisti a scadenza. In questo modo, oltre alle vendite degli operatori privati sui mercati si scaricherebbero anche i Btp non riacquistati dalla Bce, con un potenziale effetto-spirale che potrebbe far salire ulteriormente tassi e spread e costi di rifianziamento del debito pubblico. L’unica scappatoia a quel punto sarebbe cercare di ottenere una deroga, un “waiver” che tuttavia, sempre in base alle regole della Bce, implica non pochi requisiti.

Il più importante è quello di aver chiesto e ottenuto un piano di supporto da parte del fondo salva Stati europeo, l’Esm, che comporterebbe la negoziazione di un programma di correzione assieme al fondo stesso e alla Commissione europea. Con quello la Bce potrebbe anche attivare il suo scudo antispread (l’Omt). Ma questo implicherebbe rivolgersi alle istituzioni Ue con ben altro atteggiamento rispetto a quello attuale. Significherebbe invitare la Troika e negoziare con i tecnici di Ue e Fondo monetario internazionale non sui decimali dei saldi di bilancio, ma su ogni singola misura di politica economica (come è accaduto a Grecia, Portogallo, Irlanda e Cipro).

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti