Wimbledon: impresa Fabbiano, n.6 Tsitsipas si arrende

Wimbledon: impresa Fabbiano, n.6 Tsitsipas si arrende
Thomas Fabbiano
2 luglio 2019

I Championships, edizione 133, si aprono con l’impresa di Thomas Fabbiano, capace di imporsi al quinto set contro il Next Gen greco Stefanos Tsitsipas, favorito n.7 di Wimbledon. Un successo, quello del 30enne di Grottaglie, che riscatta una stagione fin qui avarissima di soddisfazioni. Solo cinque vittorie, in 15 match, con la classifica sgonfiatasi fino al n.89 Atp. Settimana scorsa, pero’ sull’erba di Eastbourne, Fabbiano aveva raggiunto la semifinale, ritrovando all’improvviso colpi e fiducia. Potere dell’erba, che ieri gli ha regalato il primo successo contro un Top 10 – 6-4, 3-6, 6-4, 6-7 (8), 6-3, in 3h22′ -. Un successo che vendica la netta sconfitta subita proprio dal greco, 12 mesi fa, su questi stessi prati.

“Ho giocato un grande match, mi sono proprio divertito in campo – le parole di Fabbiano -. Dopo avere raggiunto la mia prima semifinale in carriera a Eastbourne, qui mi sono dimostrato di poter giocare a questi livelli. Sono fiero di quello che ho fatto”. Alla terza apparizione nei Championships, Fabbiano ha dunque eliminato uno dei piu’ attesi giocatori, capace di vincere piu’ match di tutti nel 2019 (34 e 14 sconfitte), e di raggiungere la semifinale in Australia. “Ma la cosa di cui sono piu’ orgoglioso, al di la’ della singola vittoria, e’ il percorso che mi ha portato fin qui. Ho lavorato duramente per arrivare a battere il n.6 del mondo”. Inconsolabile a fine match, il 20enne greco non ha cercato scuse.

“Non avrei meritato di vincere, anzi non so come sia riuscito a trascinare il match al quinto set – le parole di Tsitsipas -. Rispetto all’anno scorso, Thomas e’ migliorato molto, soprattutto col dritto, e ha pienamente meritato. Complimenti a lui”. Nel prossimo turno Fabbiano incontrera’ il gigante Ivo Karlovic che, in un’1h41′, si e’ liberato senza assilli del qualificato Andrea Arnaboldi, per 6-4, 6-4, 7-6 (4). Non ci sono precedenti tra i due, separati da 38 cm di differenza d’altezza. “So che dovro’ recitare la parte della comparsa in alcuni game, con lui al servizio. Ma voglio essere pronto a sfruttare le occasioni che mi capiteranno”.

Leggi anche:
Il Masters parla greco, Tsitsipas rimonta Thiem

Vince, e convince anche Andreas Seppi che, in quattro set – 6-3, 6-7 (8), 6-1, 6-2, in 2h23′ – ha superato Nicolas Jarry, nonostante i 23 ace messi a segno dal cileno. Nel secondo turno, mercoledi’, trovera’ l’argentino Guido Pella, vincente su Marius Copil per 7-6 (11), 5-7, 6-3, 6-4. Nulla da fare, viceversa, per Paolo Lorenzi, battuto in tre set da Daniil Medvedev, 6-3, 7-6 (2), 7-6 (2). Delle due sole azzurre del tabellone, saluta subito Londra, Camila Giorgi, sorpresa con un doppio 6-3 dalla 19enne ucraina Dayana Yastremska. Tra i favoriti, comoda vittoria sia per il n.1 Novak Djokovic, contro il tedesco Phillip Kohlschreiber (6-3, 7-5, 6-3), che per Kevin Anderson, favorito n.4, opposto al francese Pierre-Hugues Herbert (6-3, 6-4, 6-2).

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti