Argentina al voto per le presidenziali, Fernandez pronto a vincere a primo turno. Per l’uscente Macri, strada in salita

Loading the player...
26 ottobre 2019

Alberto Fernandez, principale sfidante del presidente argentino uscente Mauricio Macri, è in corsa per la vittoria al primo turno alle presidenziali di domani, domenica 27 ottobre. Secondo gli ultimi sondaggi, infatti, il populista Fernandez, alleato dell’ex presidente Cristina Fernandez Kirchner otterrebbe un vantaggio enorme, con una forchetta tra il 17 e il 22%, superando il 45% necessario per la vittoria senza ballottaggio. Secondo la società di sondaggi Federico González & Asociados Fernandez otterrà il 54% contro il 31,5% di Macri. Secondo l’indagine pubblicata da Circuito il presidente uscente raccoglierà il 31,8% dei voti, mentre lo sfidante il 50,9%. Secondo altri sondaggi il vantaggio sarebbe minore ma sempre superiore alla soglia del 45% che dà automaticamente la vittoria.

Domani, 33,8 milioni di elettori argentini si recheranno alle urne per scegliere il nuovo presidente, il vicepresidente, e un terzo dei senatori e la metà deputati che vengono rinnovati ogni due anni. A fare da sfondo a una tornata elettorale complessa la povertà dilagante, la crisi economica, lo spread in salita e l`aumento della criminalità. Sul banco degli imputati il presidente uscente Macri che nelle primarie dell`11 agosto è arrivato soltanto secondo dopo il rivale del Frente de todos, Fernandez, in testa ampiamente anche negli ultimi sondaggi per la Casa Rosada.

Secondo il sistema elettorale argentino per essere eletto, il candidato presidente deve ottenere il 45% delle preferenze o il 40% con almeno 10 punti di vantaggio sul secondo. Altrimenti si va al ballottaggio previsto per il 24 novembre. Il clima di totale incertezza economica, con il Pil previsto in caduta del 3,1% e l`inflazione al 57,3% secondo le ultime previsioni del Fondo Monetario Internazionale (Fmi) è l’elemento dominante. In Argentina in base alla Costituzione il voto è obbligatorio dai 16 anni e chi non esprime la sua preferenza è sanzionato. Alle primarie di agosto Frente de todos, con Fernandez presidente e l’ex presidenta Cristina Fernández de Kirchner per il posto di vice ha raccolto il 49,49% dei voti. Il programma di Fernandez è improntato sul sociale, con un piano ad hoc contro la povertà, una rinegoziazione del debito a partire dal maxi prestito di oltre 56 miliardi di dollari ottenuto dal Fmi.

Leggi anche:
"Prigioniera nel tuo nido", il video del nuovo singolo di Spagna

Macri, che cerca la rielezione, ha ottenuto soltanto il 32,93% alle primarie. A lui viene addebitata la nuova crisi economica del Paese. Nonostante il motto di “riportare l`Argentina nel mondo”, il mandato di Macri si sta chiudendo con un netto peggioramento delle condizioni economiche del paese, la fuga di capitali e imprenditori, e una marcata povertà e disoccupazione a causa delle mancate riforme che erano state promesse. Terzo in corsa per Consenso federal, è Roberto Lavagna, il più anziano dei concorrenti alla Casa Rosada con i suoi 77 anni. Si pone come alternativa del dualismo tra macrismo e peronismo. Segue per il Frente de izquierda Nicolas del Cano che è il più giovane aspirante alla Casa Rosada nonché il più a sinistra tra i candidati alla presidenza argentina. Poi in corsa per Frent Nos, Jose Gomez, ex militare, esponente conservatore noto per le sue posizioni intransigenti come patria, famiglia e no all`aborto.
Infine Jose Luis Espert di Unite Frente Despertar che alla sua prima esperienza politica attiva.

FERNANDEZ, LO ‘SCONOSCIUTO’

Alberto Fernandez era uno sconosciuto fino a pochi mesi fa in Argentina, ma domani potrebbe diventarne già il presidente, già al primo turno. E con lui potrà tornare al potere l’ex presidenta peronista Cristina Kirchner, in corsa per diventare la sua vicepresidente. Nato a Buenos Aires nel 1959, il 60enne Fernandez si è impegnato in politica con i peronisti del partito Giustizialista sin da ragazzo. Ma la sua carriera è stata in gran parte dietro le quinte. Laureato in Giurisprudenza, deputato di Buenos Aires, Fernandez ha guidato la campagna elettorale del presidente Nestor Kirchner e quella di sua moglie Cristina.

Leggi anche:
La strage di Piazza Fontana raccontata su Rai 1 in "Io ricordo"

E’ stato capo di gabinetto di entrambe i coniugi, ma nel 2008 ha rotto con la presidenta, diventando poi un suo critico acceso. Ora i due si sono riconciliati e corrono assieme. Moderato, centrista, pragmatico, uomo di consenso, Fernandez si presenta alla testa dell’Alleanza Frente para Todos. I sondaggi lo indicano con un 20% di vantaggio rispetto al presidente in carica, Mauricio Macri, le cui politiche liberiste non hanno risollevato l’economia argentina ma aumentato la povertà. “Non stiamo chiudendo una campagna elettorale, chiudiamo un ciclo storico perché non cadremo più nelle grinfie del neoliberalismo”, ha proclamato giovedì in un comizio.

Fernandez promette una ristrutturazione dell’elevato debito argentino, aumento dei salari e riduzione dei tassi d’interesse. Il suo profilo rassicura chi teme gli eccessi della presidenza di Cristina Kirchner, segnata da scandali di corruzione. Al tempo stesso, correndo in coppia con lei, beneficia dell’indubbio carisma dell’ex presidenta, che affascina ancora molti elettori. La grande domanda che si pongono molti argentini è se saprà tenere a bada la sua vicepresidente o se sarà lei ad avere il vero potere. Capelli e baffi grigi, Fernandez ha un passato di suonatore di chitarra, con esibizioni giovanili in alcuni locali di Buenos Aires. Ed è per questa sua passione musicale che ha chiamato il suo cane Dylan, in onore del cantante premio Nobel. Divorziato con un figlio, ha come compagna la bionda 38enne Fabiola Yanez, giornalista e attrice.

Leggi anche:
Camera, via libera al decreto Clima. Eco-rottamazioni auto e moto e meno imballaggi. Incentivi anche per prodotti alla spina
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti