Capienza stadi e teatri, ecco l’orientamento del Cts

Capienza stadi e teatri, ecco l’orientamento del Cts
24 settembre 2021

“Per aumentare la capienza di stadi, palestre, cinema e teatri non basta guardare ai numeri dell’epidemia, ma anche valutare il tipo di aggregazione. Una partita di calcio al 75% della capienza non è la stessa cosa di un cinema con il riempimento della sala alla stessa percentuale”. A spiegare come si muoverà il Comitato tecnico scientifico la prossima settimana su questi aspetti è Fabio Ciciliano, medico e membro del Cts. Interpellato dalla Dire, Ciciliano anticipa l’orientamento di fondo del Cts sull’aumento delle capienze su cui dovrà pronunciarsi il comitato entro il 30 settembre.

“Con il ministro della cultura Dario Franceschini e il sottosegretario di stato con delega allo sport Valentina Vezzali, ci siamo visti ieri in virtù dell’articolo 8 del decreto 125, che prevede che entro il 30 settembre il Cts dia il parere sull’aumento della capienza di cinema, teatri, stadi, palestre, piscine. Noi guarderemo i numeri dell’epidemia- afferma Ciciliano- dal monitoraggio di oggi 45 casi su 100mila abitanti e un Rt a 0,82% di Rt, con un’incidenza che ancora cala, ma la decisione sarà sempre politica”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it

Leggi anche:
Covid in Italia, 3.794 nuovi casi e 36 decessi


Commenti