Cina, calano i casi di coronavirus. Primo decesso a Taiwan

Cina, calano i casi di coronavirus. Primo decesso a Taiwan
Passeggeri a bordo della nave crociera Diamond Princess
16 febbraio 2020

La Cina ha annunciato un calo dei nuovi casi dell’epidemia di coronavirus, per il terzo giorno consecutivo. Le autorità hanno segnalato oggi 2.009 nuovi contagi e altri 142 decessi su scala nazionale. I nuovi casi hanno subito un picco a inizio settimana dopo un cambiamento nelle modalità di accertamento, ma da quel momento sono in calo. Le autorità sanitarie di Taiwan hanno annunciato il primo decesso per contagio da coronavirus. Lo ha riportato il quotidiano Focus Taiwan. Il ministro della Sanità, Chen Shih-chung, ha dichiarato che la vittima è un uomo sulla sessantina che di recente non aveva viaggiato all’estero. Le autorità devono ancora accertare le modalità di contagio della vittima. Il nuovo ceppo di coronavirus è stato per la prima volta individuato nella città cinese di Wuhan, nella provincia di Hubei, a dicembre e da allora si è diffuso a oltre 25 Paesi. In Cina il virus ha già provocato più di 1.600 vittime, con quasi 70mila persone contagiate.

PIU’ CONTAGI SULLA DIAMOND

Il numero di persone a bordo della Diamond Princess positive al coronavirus è aumentato a 355, dopo che sono stati confermati 70 nuovi contagi. Lo ha annunciato il ministro della Sanità del Giappone, Katsunobu Kato. La nave da crociera, che ha fatto registrare il numero più alto di casi fuori dalla Cina, è in quarantena dal 3 febbraio scorso, dal suo arrivo nel porto giapponese di Yokohama, dopo la conferma del contagio di un passeggero sbarcato in precedenza a Hong Kong. Tra i passeggeri ce ne sono 35 di nazionalità italiana, per i quali la Farnesina sta preparando un volo per rimpatriarli. Cosa che già hanno fatto con i propri connazionali, Stati Uniti e Canada, ad esempio. Di certo, un periodo di osservazione in quarantena di 14 giorni sarà previsto al rientro in Italia dei 35 connazionali. ,secondo quanto si apprende, anche per i 35 italiani attualmente a bordo della nave. La task force del ministero della Salute sta valutando, con le altre istituzioni interessate, la struttura più idonea ad accogliere gli italiani attualmente a bordo della Diamond: tra le candidate, la Cecchignola, già utilizzata per gli italiani rientrati da Wuhan, se i tempi tecnici del rientro lo permetteranno. A bordo della Diamond Princess ci sono complessivamente 3.711 persone e non tutte hanno superato tutti gli esami per accertare il loro possibile contagio. “Finora abbiamo sottoposto a test 1.219 persone”, ha dichiarato il ministro della Sanità giapponese Katsunobu Kato all’emittente pubblica Nhk. Ha aggiunto che al momento 73 delle 355 persone positive al coronavirus non presentano sintomi.

BOLLETTINO MEDICO DELLO SPALLANZANI

Leggi anche:
Coronavirus, controllate più di 203mila persone in un giorno

Intanto, “anche il secondo test al Coronavirus effettuato presso l`Inmi Spallanzani a Niccolò è risultato negativo”. La notizia arriva dalla stessa direzione sanitaria dell`Istituto nazionale malattie infettive di Roma. Il ragazzo italiano è rimpatriato da Wuhan con un aereo militare sabato mattina. Il bollettino medico sempre dello Spallanzani, riporta che il 17enne “continua a essere in buone condizioni di salute”. “Il tampone naso-faringeo effettuato nella giornata di ieri, 15 febbraio, è risultato negativo per la ricerca del nuovo coronavirus e di altri eventuali agenti patogeni”, conferma l’ospedale, specializzato nel trattamento delle malattie infettive a elevato impatto, “Il ragazzo continua a essere sereno e di ottimo umore”.

“I due cittadini cinesi provenienti dalla città di Wuhan, casi confermati di infezione da nuovo coronavirus, continuano a essere ricoverati nella terapia intensiva del nostro Istituto”, si legge ancora nel bollettino medico, “Le loro condizioni cliniche sono in miglioramento. La prognosi resta invariata”. “Le condizioni di salute del cittadino proveniente dalla Cecchignola, caso confermato di infezione da nuovo coronavirus, sono ottime. Continua a essere ricoverato in osservazione”, aggiunge lo Spallanzani, “Sono stati valutati, ad oggi, presso la nostra accettazione 68 pazienti sottoposti al test per la ricerca del nuovo coronavirus. Di questi, 59, risultati negativi al test, sono stati dimessi. Dieci pazienti sono tutt’ora ricoverati”. “Tre sono casi confermati (la coppia cinese attualmente in terapia intensiva ed il giovane proveniente dal sito della Cecchignola)”, prosegue l’Istituto romano, “Sei sono pazienti sottoposti a test per la ricerca del nuovo coronavirus in attesa di risultato. Un solo paziente rimane comunque ricoverato per altri motivi clinici”.

Leggi anche:
Coronavirus in Italia, superata quota di 10mila morti. Torna Borrelli: "Dopo il 3 Aprile? Si valuta"
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti