Corte europea discute ricorso. Ma Berlusconi non molla: sarò comunque in campo

Corte europea discute ricorso. Ma Berlusconi non molla: sarò comunque in campo
Silvio Berlusconi
21 novembre 2017

“Saro’ comunque in campo”. La premessa che Berlusconi continua a ripetere e’ il segnale che il Cavaliere da tempo si muove anche nella prospettiva che possa non essere candidabile. Ma e’ chiaro che la battaglia che si giochera’ domani alla Corte di Strasburgo sul ricorso riguardante la legge Severino e’ attesa in tutto il centrodestra e non solo. Sarà una professoressa tedesca di Diritto pubblico, 54 anni, a presiedere l’udienza della Grande Camera della Corte europea dei diritti umani (15 componenti oltre la presidente) che domani discuterà il ricorso di Silvio Berlusconi contro la decadenza da senatore. Angelika Nussberger, componente della Cedu dal 2011, sostituisce il giudice italiano Guido Raimondi, che avrebbe dovuto guidare il collegio ma ha deciso di astenersi; probabilmente per motivi di opportunità. Ognuna delle due parti potrà parlare per trenta minuti. Restano indefiniti, invece, i tempi del verdetto che potrebbe arrivare anche tra oltre un anno. “Spero che la sentenza arrivi prima delle elezioni”, dice l’ex presidente del Consiglio. Perche’ – sottolineano fonti azzurre – la carta della candidatura con riserva, ovvero presentare la domanda nei cinque collegi, verra’ giocata solo nel caso di un pronunciamento della Corte dei diritti dell’uomo. E’ chiaro che i tempi saranno molto lunghi, ma se Strasburgo si dovesse esprimere prima delle urne sarebbe piu’ facile per i legali del Cavaliere ottenere la possibilita’ di presentarsi alle elezioni.

Leggi anche:
Consulta, la Lombardia ha limitato la libertà di culto. Furia della Lega

I legali dell’ex premier, dicono in FI, hanno preparato circa 40 contro deduzioni per controbattere le posizioni dei rappresentanti del governo italiano che difendono la legge Severino. Nell’attesa, Berlusconi e’ pienamente impegnato in una campagna elettorale che si preannuncia lunga. E per il cavaliere l’avversario da battere e’ il Movimento 5 Stelle e non “il Pd di Renzi: non puo’ essere un argine efficace perche’ rappresenta la continuita’ con governi che non sono riusciti a fare uscire l’Italia dalla crisi”. Questo a pochi minuti dalla “sfida” lanciata dal segretario dem che si e’ augurato di poter sfidare Berlusconi nello stesso collegio. Insomma, per il presidente di Forza Italia, Renzi non e’ un avversario temibile. I Cinque Stelle, al contrario, sono un “pericolo reale”, rischiano cioe’ di vincere le prossime elezioni, se qualcuno non riuscira’ a convincere gli italiani a far cambiare rotta all’Italia. E l’unico timoniere in grado di riuscire nell’impresa, non e’ altri che lui: “Solo io posso convincere gli elettori”, dice in una intervista radiofonica stigmatizzando il “programma di governo” dei Cinque Stelle tutto “tasse e giochi sulle aliquote” a scapito dei ceti medi e degli imprenditori verso i quali, e’ sicuro il cavaliere, Di Maio e gli altri nutrono “invidia”. Per questo e’ tornato in campo a distanza di 24 anni dalla prima volta: “l’ho fatto per lo stesso senso di responsabilita’ che mi ha portato a scendere in campo nel 1994”. Allora, il rischio era che i comunisti prendessero il potere in Italia.

Leggi anche:
Vertice Nato concluso in baruffa, tensione fra Trump e Macron

Oggi la minaccia e’ impersonata dai grillini e dai populisti. a questa seconda categoria e’ estraneo, sottolinea Berlusconi, il centrodestra che e’ “una forza pragmatica” capace di risolvere i problemi. Dai flussi migratori alla crisi di “prestigio internazionale” che si e’ materializzata anche con l’esclusione di Milano nella corsa all’Ema. Sul primo punto, Berlusconi sembra bacchettare Salvini quando il leader del Carroccio individua nell’eccesso di calciatori stranieri la causa della crisi dello sport nazionale. Si guardi al suo Milan, quello di Gullit e Van Basten, dice Berlusconi, ricco di “campioni stranieri affiancati da talenti nazionali”. La ricetta per fare fronte alle cirsi migratorie e’ sempre la stesa: “Aiutiamoli a casa loro”, anche se il cavaliere si spinge a immaginare un Piano Marshall per i Paesi africani dai quali proviene il grosso dei migranti: i paesi economicamente piu’ forti, spiega ancora a Radio 105, dovrebbero mettere insieme le risorse per questo piano che permetta a chi sente “il dovere di arrivare in Italia per vivere come noi” di rimanere a casa sua e “partecipare alla crescita del proprio Paese”. E se dovesse servire una sponda internazionale per realizzare questo piano, Berlusconi puo’ sempre spendere il nome di Vladimir Putin, “il piu’ grande leader mondiale”, come lo definisce quando gli viene chiesto se abbia parlato con il presidente Russo dell’esclusione dell’Italia dai mondiali: “Questi colloqui devono rimanere riservati”, chiosa – sibillino – Berlusconi.

Leggi anche:
Conte, su prescrizione resta norma in vigore dall'1 gennaio. Cdm approva riforma processo civile

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti