Esplosione al Cairo, 20 morti. Fratelli musulmani dietro attacco. “Atto terroristico”

5 agosto 2019

Torna l’incubo terrorismo al Cairo. Una paurosa esplosione innescata da un tamponamento stradale ha causato la morte di 20 persone e il ferimento di 47, tre o quattro delle quali sono in gravi condizioni: la collisione, avvenuta poco prima della mezzanotte di domenica, e’ stata causata da un’auto che procedeva contromano e che secondo gli investigatori era imbottita di esplosivo. Secondo il presidente egiziano, Fattah al-Sisi, l’esplosione è stata un attacco terroristico. “Rivolgo le mie più sincere condoglianze agli egiziani e alle famiglie delle vittime uccise ieri in un attacco terroristico nell’area di Qasr El Eyni. Auguro una rapida ripresa a tutti i feriti e vorrei ribadire che l’Egitto fa parte di tutte le organizzazioni che combattono il terrorismo”, ha scritto su Twitter il presidente dell’Egitto. Prima dell’alba, dinanzi all’Istituto nazionale per il cancro, non lontano da piazza Tahrir, l’auto, lanciata a gran velocita’, si e’ schiantata contro tre veicoli, causando un’esplosione e poi un incendio che hanno investito anche parte dell’ospedale, rimasto gravemente danneggiato.

La polizia riferisce che il movimento Hasm, un gruppo vicino ai Fratelli musulmani, e’ sospettato per l’attacco terroristico al Cairo. Il gruppo jihadista e’ uscito allo scoperto rivendicando il tentato omicidio dell’ex Grand mufti Ali Gomaa, il 5 agosto 2016. L’incendio e’ stato messo sotto controllo, ma una decina di auto parcheggiate, avvolte dalle fiamme, sono andate distrutte. La facciata dell’ospedale e’ stata sventrata dalla fortissima esplosione, porte e finestre sono andate in frantumi e si e’ addirittura creata una voragine nei pressi del fiume Nilo. Secondo il ministero dell’Interno pero’, il nosocomio di riferimento per i malati oncologici in Egitto non era l’obiettivo reale dell’attacco, che e’ stato pianificato contro un bersaglio non preciso. Secondo i primi risultati delle indagini, si legge in una nota del ministero, “l’auto veniva trasferita in un luogo per essere utilizzata in un’operazione terroristica”.

La vettura e’ stata rubata “alcuni mesi” fa nella provincia di al-Manufiyya, a nord della capitale. Le indagini, ha assicurato la nota, continuano nel tentativo di identificare i “terroristi” coinvolti, per “perseguirli secondo la legge”. Nessuno dei medici e pazienti e’ rimasto ferito, ma i 78 malati sono stati tutti trasferiti in altri ospedali. Diversi utenti dei social media hanno pubblicato video di auto in fiamme e di pazienti evacuati dall’ospedale. Il ministro della Sanita’, ha precisato che l’esplosione e’ avvenuta di fronte all’ospedale e non all’interno, come inizialmente si era pensato. Il magistrato ha voluto che le salme fossero portate nell’obitorio di Zenhom, all’interno dell’ospedale di Kasser el Eny, per l’autopsia e l’esame del Dna.

Leggi anche:
Coronavirus, calano i contagi ma non i ricoveri e i morti
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti