Pirlo spegne le polemiche: avvertito da Agnelli dell’incontro con Allegri

Pirlo spegne le polemiche: avvertito da Agnelli dell’incontro con Allegri
Andrea Pirlo
6 aprile 2021

“Sono stato avvertito dal presidente in persona di questo incontro, è normale che ci possa essere: a parte il calcio, l`amicizia resta”. Andrea Pirlo sgombra il campo dalle polemiche alla vigilia di un match, quello con il Napoli, che potrebbe risultare decisivo per il suo futuro in bianconero. “È come se io andassi a cena con Maldini e il giorno dopo uscisse scritto che divento allenatore del Milan. Oltre al calcio ci sono delle amicizie dietro – ha aggiunto Pirlo -. Io ho un contatto quotidiano col presidente, ci diciamo sempre tutte le cose che succedono: abbiamo questo tipo di rapporto, ero al corrente di questo incontro e anche della sua fiducia che mi dà serenità. Poi è normale che i risultati cambiano il lavoro degli allenatori, quindi starà a me fare in modo che sia io l`allenatore anche dell`anno prossimo”.

Per il tecnico della Juventus la partita contro il Napoli non è decisiva. “Né è una ultima spiaggia – continua – è una partita importante tra due squadre con gli stessi obiettivi e la stessa voglia di vincere. La pressione c`è, siamo abituati ad averla: prima era per lottare per il primo posto, ora per il posto in Champions. Sarà una gara importante per la classifica contro una squadra che attraversa un ottimo momento e verrà per fare risultato: noi abbiamo la stessa ambizione, ci aspettiamo una partita aperta in cui le squadre vogliano imporre il proprio gioco”.

Nessuna polemica sulle tre positività nella Juve che potrebbero far chiedere alla società bianconera di rinviare il match: “Noi come sempre rispettiamo il protocollo, siamo in sintonia con quello che dice l`Asl: faremo quello che abbiamo sempre fatto, ci presenteremo a giocare la partita”. Dybala c’è (“Paulo sta bene”, lo considero tornato a disposizione: è normale che non abbia i 90 minuti nelle gambe ma per noi già averlo è importante”). In porta niente riposo per Szczesny. Pirlo avverte la fiducia della squadra (“su questo sono tranquillo”). “C`è stato un po` di calo nella qualità del gioco. Non ci hanno agevolato le tante partite e i tanti infortuni, non abbiamo potuto dare continuità ai giocatori e questo ci ha fatto perdere fluidità. Dopo la Champions c`è stato un calo mentale, la nostra energia è venuta un po` meno. Ora non ci sono scuse, dobbiamo onorare la maglia e in questo modo non lo stiamo facendo. Sono molto esigente e chiedo tanto ai giocatori. Io sono il primo a non essere felice, sono il primo ad aver sbagliato in certe occasioni ma dobbiamo voltare pagina”.

Leggi anche:
Il Milan cede al Sassuolo con una doppietta di Raspadori

Intanto, in Spagna sono sicuri. Il prossimo allenatore della Juventus sarà Massimiliano Allegri. Andrea Pirlo non ha convinto alla guida della formazione bianconera e anche la voce dei senatori della Juventus sarebbe d’accordo al ritorno del tecnico toscano. Secondo Don Balon ci sarebbe anche il via libera di Cristiano Ronaldo che appoggerebbe la scelta societaria di divorziare da Pirlo in favore di Allegri. La gara col Napoli sarà certamente un crocevia fondamentale non solo per la zona Champions, ma anche per il futuro di Pirlo.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti