Roma abbraccia il carabiniere Mario, polemica per foto. La telefonata di Brugiatelli al 112: “Mi hanno derubato”

Roma abbraccia il carabiniere Mario, polemica per foto. La telefonata di Brugiatelli al 112: “Mi hanno derubato”
28 luglio 2019

Migliaia di persone in fila per rendere omaggio al vice brigadiere ucciso con 11 coltellate, la commozione del presidente del Consiglio che si unisce a quella dei cittadini e dei familiari di Mario Cerciello Rega. Alla vigilia dei funerali di Stato a Somma Vesuviana, divampa la polemica per la fotografia che ritrae Christian Gabriel Natale Hjort, uno dei due giovani americani accusati dell’omicidio, con gli occhi bendati e le mani dietro la schiena in un ufficio dei Carabinieri. Uno scatto che e’ finito anche sul sito della Cnn e che ha causato indignazione. Chi lo ha bendato, e’ stato fatto sapere, sara’ trasferito a breve ad “altro incarico non operativo”.

Il militare ha giustificato la scelta di bendare il ragazzo – per non piu’ di 5 minuti – per evitare che vedesse altri atti dell’inchiesta. Sulla questione e’ intervenuto anche il procuratore generale presso la Corte d’Appello, Giovanni Salvi. “Le modalita’ con le quali e’ stato condotto l’interrogatorio consentono di escludere ogni forma di costrizione in quella sede”, ha assicurato. “Gli indagati sono stati presentati all’interrogatorio liberi nella persona, senza bende o manette”, ha aggiunto, affermando anche che “all’interrogatorio e’ stato presente un difensore e che l’interrogatorio e’ stato condotto da due magistrati, e’ stato registrato e ne e’ stato redatto verbale integrale”. Le indagini ora proseguiranno “per accertare chi, per quali ragioni e per disposizione di quale autorita’ abbia bendato l’indagato e abbia ritenuto di tenere l’indagato in manette”, ha sottolineato infine Salvi.

Leggi anche:
Forza Italia trova l'unità sul come sbarazzarsi di Berlusconi

La telefonata (AUDIO) di Brugiatelli al 112

Anche il difensore di Finnegan Lee Elder, l’altro giovane indagato, ha commentato la vicenda: “Quella foto mi ha fatto davvero un brutto effetto. Ho provato ad andare in carcere per parlare con il mio assistito ma non e’ stato possibile: voglio capire cosa sia successo e se anche lui e’ stato bendato e legato”, ha affermato l’avvocato Francesco Codini. Polemica anche a livello politico. Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha postato l’immagine: “Vittima? L’unica vittima e’ un uomo, un figlio, un marito, un carabiniere, un servitore della patria”, il commento a didascalia. Parole a cui ha risposto Pietro Grasso, senatore di Leu, ex presidente del Senato e magistrato antimafia. Quella foto, ha sostenuto, “mi fa male perche’ quel comportamento infanga il lavoro di migliaia di Carabinieri”.

Il Pd con il capogruppo a Palazzo Madama, Andrea Marcucci, ha criticato il vice premier: “Orrore per la foto dell’indiziato bendato. Orrore per l’uso che ne sta facendo il partito del ministro dell’Interno. Salvini non ci portera’ in Sud America”. Il premier Giuseppe Conte ha cercato di smorzare i toni e uscendo dalla camera ardente ha ricordato che “questo e’ il momento della commozione e di stare vicino alla famiglia. Per altre dichiarazioni di piu’ ampio respiro su questa vicenda mi riservo di farvi sapere”.

Leggi anche:
Popolare Bari commissariata da Bankitalia. Scontro nel governo, Iv si defila
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti