Casellati: basta con Dpcm calati dall’alto. I renziani a fianco della presidente del Senato

Casellati: basta con Dpcm calati dall’alto. I renziani a fianco della presidente del Senato
Maria Elisabetta Alberti Casellati
23 maggio 2020

Ritorna con forza la centralità del parlamento. A riaccendere i riflettori, la presidente del Senato. “Io ritengo che si debba dire basta con i Dpcm calati dall’alto. Il Parlamento è aperto, il Senato è aperto, non è in quarantena e sa rispondere ai cittadini in tempi brevi e meglio” ha affermato Elisabetta Casellati, secondo la quale, “parlare di centralità del Parlamento può sembrare un gioco dialettico, una questione fuori dai problemi quotidiani, ma non è così, perché è una questione costituzionale che regge la nostra vita”. Dalle libertà individuali a quelle economiche, è proprio il Parlamento il luogo dove si decide, dove vengono allocate le risorse, che riporta la voce dei cittadini, le istanze di famiglie e imprese. Il Parlamento – ha concluso la Casellati – non lascia indietro nessuno”.

“Il Parlamento non è il passacarte dell`avvocato Conte”, ha rilanciato Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi. “Quando si è costretti in una fase di emergenza ad agire fuori dalla Costituzione è indispensabile che venga coinvolta anche l`opposizione. Ora basta – ha sottolineato l’esponente del partito della Meloni -. Il presidente della Camera Fico affianchi la presidente del Senato Casellati nella richiesta di centralità del Parlamento”.

Alla Casellati è arrivato sostegno anche dalla maggioranza arriva sostegno l’intervento della Casellati. “Apprezzo le parole della Presidente Casellati che ribadisce, come ha già fatto ieri in Senato il Presidente Conte, la centralità del Parlamento – ha detto il presidente dei senatori di Italia Viva Davide Faraone – Come Italia Viva avevamo posto questo tema, siamo confortati dalle parole delle più alte cariche dello Stato”.

Leggi anche:
Il "Nuovo patto" della Commissione Ue sui migranti: "Solidarietà flessibile"
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti