“Storace e Musumeci torniamo insieme”

28 marzo 2014

“Caro Francesco, cari amici della Destra, dobbiamo proseguire una battaglia comune. Tu Francesco hai fatto parte del nostro governo, come successivamente Nello Musumeci. Siete stati candidati della nostra coalizione nelle regioni Lazio e Sicilia. Torniamo ad unirci dunque, senza rinunciare alle nostre specificita’, ma in nome di quel che ci accomuna, per ritornare alla democrazia e far rinascere la nostra Italia piu’ giusta, piu’ libera e piu’ prospera. Abbiamo di fronte a noi molte sfide che fanno parte di una stessa battaglia: la battaglia che stiamo combattendo da vent’anni per la democrazia e per la liberta’. Dopo vent’anni di battaglia oggi dobbiamo reagire”. E’ uno stralcio di una lettera che Silvio Berlusconi ha inviato al leader della Destra Francesco Storace in occasione della riunione domani del comitato centrale del partito.

”Questa e’ davvero l’ultima occasione – prosegue la missiva – la chiamata in campo definitiva. Dobbiamo tutti impegnarci affinche’ il centro-destra prevalga e sia garantita la sicurezza dei nostri diritti, dei nostri beni e della nostra liberta’. Siamo al capitolo finale di quella che e’ stata definita ”La guerra dei venti anni’. E quello che e’ successo in questi mesi a me, condannato ingiustamente, espulso dal Parlamento, reso incandidabile per 6 anni e privato financo del diritto di voto, non ha eguali in nessuna democrazia occidentale. Ogni regola di giustizia e’ stata calpestata per eliminare attraverso il braccio giudiziario della sinistra l’avversario che non si e’ riuscito ad eliminare con i mezzi della democrazia. E tutto cio’ proprio mentre la nostra economia vive uno dei momenti piu’ neri delle nostra storia con il prodotto interno in costante diminuzione e la disoccupazione giovanile a livelli record. Per questo – prosegue Berlusconi -, per essere piu’ forti in questa battaglia per la liberta’ e per il benessere, per costruire insieme l’Italia che abbiamo sempre sognato per noi e per i nostri figli, oggi Vi chiedo di unire le Vostre e le nostre forze al fine di ribaltare un destino che appare altrimenti segnato. Da quando sono sceso in campo nel ’94  – conclude il leader di Fi – ho lavorato incessantemente per unire tutti coloro che si sentono alternativi alla sinistra, che non vogliono vivere in un Paese egemonizzato dalla sinistra che vogliono avere garantiti dallo Stato i propri diritti e la propria libertà”.

Non s’è fatta attendere la replica di Storace: “Il comitato centrale de La Destra valutera’ domani, nella riunione convocata a Roma le scelte da compiere. A partire da quanto ci ha scritto Silvio Berlusconi”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti