Crollo Genova, Procura: demolizione ponte subito dopo nostro ok

Crollo Genova, Procura: demolizione ponte subito dopo nostro ok
27 agosto 2018

Le operazioni di abbattimento totale o parziale dei due monconi di Ponte Morandi dovranno avvenire “all’indomani dell’eventuale autorizzazione ed essere già pronte perché non si crei una situazione di limbo temporale in cui c’è un dissequestro e non c’è chi deve fare le cose”. Lo ha detto il procuratore capo di Genova, Francesco Cozzi, parlando con i giornalisti.

Leggi anche:
Morto a Genova ex magistrato Mario Sossi rapito da Br nel 1974

“Al momento – ha sottolineato Cozzi- non abbiamo ricevuto alcuna istanza di dissequestro. Quando la pubblica amministrazione, in particolare il sindaco o il commissario, ci rappresenteranno una situazione di pericolo per l’incolumità o altre esigenze di primaria importanza per l’interesse pubblico alla base di istanze di dissequestro parziale o totale -ha precisato il procuratore capo di Genova- risponderemo positivamente”.

Secondo Cozzi, le eventuali opere per l’abbattimento dei monconi del ponte dovrebbero avvenire “possibilmente compatibilmente con le esigenze di acquisizione e conservazione delle prove e quindi con modalità il più possibile atte a preservare in qualche modo parti che possono essere utili oggi o un domani per l’accertamento delle cause del crollo ed eventuali responsabilità”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti