Al via l’adesione dei produttori di melograno siciliano

26 febbraio 2014

Al via l’adesione dei produttori di melograno dell’azienda siciliana Oranfrizer al consorzio Pomgrana Italia per la produzione, la trasformazione e la commercializzazione del melograno. Il consorzio, con la tecnica Cairo, riesce a moltiplicare la resa delle coltivazioni di melograno grazie all’impiego di nuovi metodi di allevamento, irrigazione e concimazione delle piante. Pomgrana Italia promuovera’ in sinergia con i soci lo sviluppo del melograno nel panorama ortofrutticolo italiano. Nella regione Sicilia le realta’ produttive aderenti per lo sviluppo del progetto sono Oranfrizer nell’area sud-orientale e l’azienda di Calogero Pitruzzella nell’area centro-occidentale, le due realta’ gia’ affermate per altre produzioni di filiera faranno da punti di riferimento per i nuovi soggetti che si aggregheranno in futuro.
“Porteremo avanti -spiega l’amministratore Nello Alba di Oranfrizer- il progetto Pomgrana Italia, il prodotto nel mercato interno puo’ affermarsi solo se aderiamo alla logica consortile, coopereremo per perseguire gli obiettivi designati e avviare lo sviluppo della filiera del melograno in Italia valorizzando un frutto di alto valore nutrizionale. I nuovi impianti siciliani e le tecniche di coltivazione gia’ adoperate da Oranfrizer in 7 ettari di coltivazione contribuiranno a soddisfare le richieste del mercato e dei consumatori con un prodotto certamente italiano e di alta qualita’”. Israele e Spagna sono i paesi con maggiori potenzialita’ della grande distribuzione. In Italia la crescente domanda da parte della grande distribuzione implica una corrente di importazione che potrebbe essere frenata da una maggiore produzione interna. Il prodotto oltre al consuetudinario consumo a tavola, si presta anche alla trasformazione, e’ impiegato nella farmaceutica e nella cosmesi, ed e’ ricercato per l’estrazione dei coloranti anche per uso non alimentare.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi anche:
Sicilia, nel Ragusano turismo sensoriale con piante e aromi

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti