Comune del Milanese rifiuta cittadinanza onoraria per Liniana Segre

Comune del Milanese rifiuta cittadinanza onoraria per Liniana Segre
Liliana Segre
21 novembre 2019

Niente cittadinanza onoraria di Sesto San Giovanni (Milano) per Liliana Segre: in consiglio comunale e’ stata infatti bocciata la ‘manifestazione di intenti’ presentata dal Movimento Cinque Stelle, accolta da tutta l’opposizione. Una decisione che ha suscitato un vespaio di polemiche. “Le motivazioni del sindaco di centrodestra, Roberto Di Stefano, sono che ‘Liliana Segre non ha a che fare con la storia della nostra citta’ e darle la cittadinanza sarebbe svilente per lei perche’ e’ una strumentalizzazione politica’ – ha replicato il Partito Democratico – Una motivazione che il Pd critica, cosi’ come l’annuncio di Di Stefano di volerla invitare il 27 gennaio. A questo punto – ha concluso il Pd – ci viene quasi da dire ‘Senatrice, dovessero invitarla, lasci perdere'”. “Alla senatrice Segre va tutta la nostra solidarieta’ per gli insulti ricevuti sul web, ma e’ inconcepibile che venga usata dall’opposizione per strumentalizzazioni puramente politiche: ecco perche’ abbiamo bocciato la mozione per il conferimento della cittadinanza onoraria”, ha detto dal canto suo il sindaco di Sesto spiegando perche’ e’ stata bocciata la proposta.

“Una cosa di questo tipo – ha aggiunto il sindaco – non puo’ e non deve essere lanciata sul tavolo di discussione per motivi politico-emozionali, come provocazione, sminuendo il ruolo di Liliana Segre e svilendo il concetto stesso di cittadinanza onoraria (…). Il 10 dicembre – ha proseguito Di Stefano – partecipero’ alla manifestazione che organizzera’ l’Anci a Milano per dimostrare vicinanza alla senatrice Segre con un gesto concreto e non solo a parole. Quel giorno mi auguro di vedere quanti oggi si stracciano le vesti ma che mai si sono visti in occasione delle giornate che abbiamo organizzato per la prima volta a Sesto per condannare ogni forma di totalitarismo, come per esempio la giornata del Ricordo, la giornata per ricordare la caduta del Muro di Berlino, la giornata di confronto con la Comunita’ Ebraica e la giornata del genocidio armeno”.

Non si placano intanto le polemiche anche a Biella, per la cittadinanza onoraria rifiutata da Ezio Greggio in solidarieta’ nei confronti della senatrice a vita Liliana Segre, cui l’amministrazione comunale di centrodestra aveva nei giorni scorsi rifiutato un analogo riconoscimento. Questa mattina lo showman ha fatto sapere di voler annullare la visita di sabato a Biella. E il sindaco Claudio Corradino ha chiesto scusa alla Segre: “Io sono stato un cretino, lo ammetto, e chiedo scusa alla Segre e a Greggio, pero’ su questa cosa e’ stata fatta una speculazione indegna da parte di tutti quanti e mi dispiace. Il risultato e’ stato negativo, ingiustamente. Una grandissima sciocchezza che e’ diventata una cosa nazionale. La Signora Segre non ha bisogno che arrivi il Sindaco di Biella a darle la cittadinanza, e’ un ‘patrimonio dell’umanita” e le chiedo ancora scusa. L’ho invitata anche a Biella per la Giornata della Memoria e non c’e’ nulla contro di lei”.

Leggi anche:
Finisce con l'auto in un canale, muore 40enne
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti