Decreto fiscale, ok da Cdm: da sicurezza lavoro a bonus auto e cartelle

Decreto fiscale, ok da Cdm: da sicurezza lavoro a bonus auto e cartelle
15 ottobre 2021

Dal rifinanziamento dell’ecobonus per l’auto alla stretta sulla sicurezza sul lavoro. E poi altre 13 settimane di Cig Covid per terziario, Pmi e tessile, un contingente di uomini delle forze dell’ordine più corposo in occasione del G20 a Roma il 30 e 31 ottobre, i congedi con un’indennità del 50% per i genitori lavoratori con figli in Dad o in quarantena, il pacchetto di norme fiscali su cartelle, rottamazione e saldo e stralcio. Sono alcune delle misure contenute nel dl fiscale approvato dal consiglio dei ministri. Il rifinanziamento di 200 milioni di euro del reddito di cittadinanza è stato confermato dopo un braccio di ferro tra i partiti della maggioranza (“a fronte dell`andamento delle richieste, sono stanziati, per il 2021 200 milioni di euro”, si legge nella nota di Palazzo Chigi diffusa al termine del Cdm).

E’ invece sceso da 300 a 100 milioni lo stanziamento per l’ecobonus auto (rispetto alle precedenti bozze). Le norme che hanno ottenuto il via libera, si legge nella nota di Palazzo Chigi, per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro “consentiranno di intervenire con maggiore efficacia sulle imprese che non rispettano le misure di prevenzione o che utilizzano lavoratori in nero”. L`obiettivo è quello di “incentivare e semplificare l`attività di vigilanza in materia di salute e sicurezza sul lavoro e di un maggiore coordinamento dei soggetti competenti a presidiare il rispetto delle disposizioni per assicurare la prevenzione”.

Le principali misure

A FONDO AUTOMOTIVE 100 MILIONI. Viene incrementato di 100 milioni di euro per l’anno 2021 il fondo per l’ecobonus auto.

CIG COVID FINO A FINE ANNO PER TERZIARIO, PMI, TESSILE. Proroga di ulteriori 13 settimane di Cig Covid fino al 31 dicembre 2021 per le aziende del terziario, le Pmi, il tessile, abbigliamento e pelletteria.

Leggi anche:
A Napoli muore mamma non vaccinata: nascono due gemelli positivi

STOP ATTIVITA’ SE NON IN REGOLA, ARRIVA STRETTA. Si abbassa dal 20% al 10% la quota di lavoratori irregolari che fa scattare la sospensione dell`attività. Non è più richiesta alcuna ‘recidiva’ ai fini della adozione del provvedimento che scatterà subito a fronte di gravi violazioni. Nel caso in cui vengano accertate gravi violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza del lavoro, è prevista la sospensione dell`attività, anche senza la necessità di una reiterazione degli illeciti. Per poter riprendere l`attività produttiva è necessario non soltanto il ripristino delle regolari condizioni di lavoro, ma anche il pagamento di una sanzione.

RAFFORZATO RUOLO INL E ORGANICI ISPETTORI. Assegnato all`Ispettorato nazionale del lavoro il coordinamento della vigilanza sulla sicurezza. Si potenzia l’organico – è prevista l`assunzione di 1.024 unità – e un investimento in tecnologie di oltre 3,7 milioni di euro nel biennio 2022/2023 per dotare il nuovo personale ispettivo della strumentazione informatica necessaria a svolgere l`attività di vigilanza. Previsto anche l`aumento del personale dell`Arma dei Carabinieri dedicato alle attività di vigilanza sull`applicazione delle norme in materia di diritto del lavoro, legislazione sociale e sicurezza sui luoghi di lavoro, che passerà dalle attuali 570 a 660 unità dal 1 gennaio 2022.

RAFFORZATA BANCA DATI SU SICUREZZA LAVORO. Si punta a una definitiva messa a regime e a una maggiore condivisione delle informazioni in esso contenute. Gli organi di vigilanza sono tenuti ad alimentare un`apposita sezione della banca dati, dedicata alle sanzioni applicate nell`ambito dell`attività di vigilanza svolta nei luoghi di lavoro. Mentre l`Inail dovrà rendere disponibili alle Asl e all`Ispettorato nazionale del lavoro i dati relativi alle aziende assicurate e agli infortuni denunciati.

Leggi anche:
Perquisizioni della Gdf nelle sedi della Juventus

+400 AGENTI PER SICUREZZA G20 A ROMA. Al fine di potenziare i dispositivi della cornice di sicurezza connessi allo svolgimento del vertice dei Capi di Stato e di Governo dei Paesi appartenenti al G-20, il contingente di personale delle Forze armate è incrementato di ulteriori 400 unità.

CONGEDI GENITORI FIGLI UNDER 14: INDENNITA’ 50%. Il lavoratore genitore di figlio convivente minore di anni quattordici, alternativamente all’altro genitore, può astenersi dal lavoro durante la Dad o la quarantena conservando metà della retribuzione. Congedo anche per figli tra i 14 e i 16 anni ma senza indennità.

INDENNITA’ MALATTIA PER LAVORATORI IN QUARANTENA. Viene rifinanziato il fondo per l`indennità di malattia, destinato ai lavoratori in quarantena a causa del Covid.

SALDO E STRALCIO/ROTTAMAZIONE TER. E’ considerato “tempestivo” e non determina l’inefficacia delle “definizioni” il contribuente che ha saltato gli ultimi pagamenti se il saldo viene effettuato integralmente “entro il 30 novembre”.

150 GIORNI PER PAGARE LE CARTELLE FISCALI. Viene prolungato a 150 giorni dalla notifica, in luogo di 60, il termine per l`adempimento spontaneo delle cartelle di pagamento notificate dal primo settembre al 31 dicembre 2021. Fino allo scadere del termine dei 150 giorni non saranno dovuti interessi di mora e l`agente della riscossione non potrà agire per il recupero del debito.

FINO A 18 RATE NON SI DECADE DA DILAZIONE. Salgono da 10 a 18 il numero delle rate il cui mancato pagamento determina la decadenza dei provvedimenti di rateizzazione in corso prima dell`inizio della sospensione Covid-19.

Leggi anche:
Intesa su fisco ma crescono tensioni su manovra. E Draghi convoca i partiti

CIG PER LAVORATORI ALITALIA IN AMMINISTRAZIONE. Si prevedono altri 12 mesi di integrazione salariale per i lavoratori di Alitalia Sai e Alitalia Cityliner.

A RFI +1,3 MLD PER ACCELERARE OPERE INFRASTRUTTURALI. Le risorse, che dovranno essere utilizzate entro l`anno, serviranno per erogare alle imprese appaltatrici anticipazioni fino al 30% del valore delle opere, per velocizzare gli interventi sulla rete ferroviaria. Le opere infrastrutturali sono quelle che rientrano nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Tra queste: le tratte ad alta velocità Napoli-Bari e Palermo-Catania, l`elettrificazione delle linee nel Sud, il Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi, l`alta velocità/alta capacità sulla linea Brescia-Verona-Padova, le tratte di accesso al tunnel del Brennero e gli interventi tecnologici per l`implementazione del sistema europeo ferroviario Ertms destinato ad aumentare la sicurezza, la velocità e la capacità delle infrastrutture. Ad esclusione di quest’ultimo, gli altri interventi sono anche commissariati. Con lo stesso decreto legge viene incrementata di 20 milioni di euro per il 2021 l`autorizzazione di spesa per il potenziamento della componente aeronavale del Corpo delle capitanerie di porto, consentendo così di anticipare gli interventi previsti. Le risorse in più erogate per l`anno in corso verranno recuperate nel biennio successivo.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti