la Luna si sta restringendo. Gli scienziati: “Questo ci porta a tornare sul satellite”

la Luna si sta restringendo. Gli scienziati: “Questo ci porta a tornare sul satellite”
20 maggio 2019

La Luna sta restringendosi, come un acino d’uva troppo maturo: questa la conclusione di uno studio della Nasa secondo il quale il diametro del nostro satellite si è accorciato di una cinquantina di metri nel corso degli ultimi cento milioni di anni.

Si tratta di un fenomeno piuttosto comune – in particolare per quanto riguarda Mercurio – dovuto alla differenza di temperatura esistente fra il nucleo ancora caldo della Luna e la superficie, priva di qualunque atmosfera in grado di proteggerla dallo spazio esterno. L’effetto provoca delle fessure lungo la superficie, a loro volta causa di eventi sismici che possono raggiungere la magnitudo 5 della scala Richter.

La Luna, oltre al fatto che si sta progressivamente restringendo, è scossa da terremoti. E questo, invece, emerge da  una ricerca dell’università del Maryland, sulla base delle simulazioni fatte usando i dati dei sismometri installati sulla Luna dalle missioni Apollo e le immagini raccolte nel 2010 dalla sonda Lunar Reconnaissance Orbiter (Lro) della Nasa. Una ricerca pubblicata sulla rivista Nature Geoscience . Dopo le prime ‘rughe’ segnalate in passato, le immagini della sonda Lro mostrano che la Luna si è progressivamente ‘essiccata’, lasciando sulla superficie migliaia di dirupi chiamati faglie inverse e che il processo sembra continuare ancora oggi.

Per comprendere come questo è accaduto il gruppo coordinato da Nicholas Schmerr ha utilizzato un algoritmo per analizzare i dati sismici raccolti dalle missioni Apollo tra gli anni ’60 e ’70. In questo modo è stato possibile individuare l’epicentro di 28 terremoti lunari registrati tra il 1969 e il 1977, che sulla Terra avrebbero raggiunto una magnitudo compresa tra 2 e 5. Questi dati sono stati sovrapposti con quelli della sonda Lro, mostrando che almeno otto di questi terremoti sono stati causati esclusivamente dal movimento delle faglie. Terremoti simili, osservano i ricercatori, continuano a scuotere la Luna ancora oggi.

Leggi anche:
Con PunchLab il sacco da boxe si trasforma in device interattivo

“Abbiamo scoperto che alcuni dei terremoti registrati dalle missioni Apollo sono avvenuti molto vicino alle faglie viste nell’immagini riprese dalla missione Lro. E’ molto probabile che queste faglie siano ancora attive”, commenta Schmerr. Si è visto inoltre che sei degli otto terremoti sono avvenuti quando la Luna si trovava all’apogeo, ossia al punto della sua orbita più lontano dalla Terra, o era molto vicina a esso. “Questi risultati – conclude Schmerr – ci dicono che dobbiamo tornare sulla Luna. Con le missioni Apollo abbiamo imparato molto, ma abbiamo solo scalfito la superficie. Con i moderni sismometri potremmo capire molto di più sulla geologia lunare”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti