Renzi, nostri elettori vogliono Europa diversa

27 maggio 2014

“Con la consapevolezza di guidare il partito che ha ottenuto il miglior risultato e di governare il paese con la maggiore affluenza alle urne, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha detto agli altri capi di Stato e di governo dell’Ue, in sede di Consiglio informale per valutare le conseguenze del voto dei giorni scorsi, che ‘se vogliamo salvare l’Europa, dobbiamo cambiare l’Europa’”. E’ quanto riferiscono fonti di palazzo Chigi a Bruxelles. “Con questa forza – ha detto Renzi ai colleghi secondo le fonti – vi dico che anche chi ha votato per noi ha chiesto di cambiare l’Europa”.
Intanto, la cancelliera tedesca Angela Merkel lancia Juncker come “candidato di punta per la presidenza della Commissione europea”, affermando di essere contenta “che il Ppe abbia vinto le elezioni europee”. Frena il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, sottolineando che è importante discutere sulle scelte che l’Europa deve fare prima di parlare di nomi. In altre parole, per il segretario del Pd, “tutte le discussioni sui nomi vengono dopo le discussioni e le scelte sulle cose che l’Europa deve fare”. “I nomi sono una conseguenza degli impegni”, ha aggiunto, oggi “l’Europa ha bisogno di investimenti, di migliorare i sistemi educativi, deve occuparsi dei problemi quotidiani delle famiglie”. Il premier non ha voluto dire nulla di più rispetto alla decisione dell’Europarlamento di affidare al candidato leader del Ppe Jean-Claude Juncker una sorta di “mandato esplorativo” per verificare l’esistenza di una maggioranza a suo favore nella nuova Assemblea. Quanto all’ondata populista e nazionalista emersa in altri importanti paesi Ue, Renzi ha osservato: “La risposta l’abbiamo data con le elezioni” in Italia.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi anche:
Governo valuta proposta Aspi, ma l'esecutivo è spaccato. Martedì in Cdm la decisione

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti