Sri Lanka, presidente rimuove capo polizia e ministro Difesa. L’Isis diffonde foto dei kamikaze

24 aprile 2019

Il presidente dello Sri Lanka Maithripala Sirisena ha chiesto le dimissioni del capo della polizia e del ministro della Difesa mentre nel Paese monta l’indignazione sulla gestione degli allarmi ricevuti dall’intelligence prima delle stragi di Pasqua, nel quale sei attacchi kamikaze in chiese e hotel di lusso hanno ucciso almeno 359 persone. Gli attacchi sono stati svolti da nove kamikaze, tra cui una donna, che si è fatta saltare in aria quando la polizia ha accerchiato al casa dove si trovava, e due fratelli. Otto attentatori sono stati identificati.

Oggi il sottosegretario alla Difesa Ruwan Wijewardene ha detto ai giornalisti che gli attentatori provenivano dalla classe medie e agiata e alcuno di loro erano “piuttosto ben educati”. Uno di loro aveva studiato in Gran Bretagna e Australia. Sessanta persone sono state arrestate, tra cui un ricco commerciante di spezie di Colombo, Mohamed Ibrahim, proprietario di una delle abitazioni usate come covi dal gruppo. Due dei suoi figli erano kamikaze e la nuora si è fatta saltare in aria all’arrivo della polizia. Secondo Wijewardene gli attentatori si erano distaccati dal National Thowheed Jamaath, oscuro gruppo islamista dell’est del Paese. Il leader del gruppo ha realizzato l’attentato suicida all’hotel Shangri-La di Colombo. L’Isis ha rivendicato gli attentati, ma secondo le autorità il suo ruolo resta oscuro. Secondo Wijewardene c’era un legame con lo Stato islamico “attarverso l’ideologia o forse il finanziamento”.

Intanto, arriva una foto diffusa dall’Isis e che raffigura i responsabili degli attentati in Sri Lanka. Otto uomini vestiti di nero, sette incappucciati e al centro, l’unico col volto scoperto, sarebbe il leader dell’organizzazione islamista locale. Attacchi che hanno colpito tre chiese e tre hotel, uccidendo 359 persone. Un bilancio che da giorni continua a salire. Molte delle vittime sono bambini e ragazzi che partecipavano alle funzioni religiose della Pasqua cristiana coi loro genitori. E i fedeli cristiani sono stati proprio uno degli obiettivi principali degli attentatori. “Le indagini preliminari hanno rivelato che quanto successo in Sri Lanka è stato compiuto da un gruppo islamista come rappresaglia contro gli attacchi ai musulmani a Christchurch”, ha detto il viceministro della Difesa del Paese, Ruwan Wijewardene.

Leggi anche:
Macron a Beirut: "Il Libano non è solo". La collera dei libanesi: governo negligente

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti