Polverone Kissinger dopo dichiarazioni da Davos. Zelensky storce muso

Polverone Kissinger dopo dichiarazioni da Davos. Zelensky storce muso
Henry Kissinger
27 maggio 2022

Un grande polverone intorno all’ex segretario di Stato americano e premio Nobel Henry Kissinger: secondo i media russi è stato inserito pochi giorni prima del suo 99° compleanno nel database ucraino Myrotvorets, ovvero la famigerata lista dei nemici dell’Ucraina, “per la partecipazione all’operazione di informazione speciale russa”. Il link alla scheda di Kissinger è comparso in un tweet di un profilo non verificato @UA_Peacemaker con il seguente messaggio: “E vi ricordiamo che tutti coloro che vengono al sito del Purgatorio di Myrotvorets alla fine muoiono”. L’ex segretario di Stato americano – uno dei pensatori più influenti del XX secolo che ha plasmato la politica estera degli Stati Uniti dal 1969 al 1976 e che ha vinto il Nobel per la pace nel 1973 – da Davos aveva invitato l’Occidente a smettere di cercare di “infliggere una schiacciante sconfitta” alle forze russe in Ucraina. Kissinger aveva avvertito che ciò sarebbe disastroso per la stabilità dell’Europa a lungo termine. A suo avviso, i negoziati tra Mosca e Kiev dovrebbero iniziare nei prossimi due mesi. In caso contrario, comincerà una tensione, che non sarà facile da superare.

La sua posizione tuttavia non è piaciuta al presidente ucraino Volodymyr Zelensky. “Emerge dal profondo passato – ha detto Zelensky in un video sul suo canale Telegram – e afferma che è necessario dare alla Russia un pezzo di Ucraina”. Per poi aggiungere: “Sembra che il signor Kissinger non abbia il 2022 nel suo calendario, ma il 1938. E pensava di parlare al pubblico non di Davos, ma di Monaco”. Chiaro, anche troppo, il riferimento all’accordo di Monaco del 1938, quando Gran Bretagna, Francia e Italia, sperando di pacificare le rivendicazioni territoriali di Adolf Hitler, accettarono l’annessione da parte della Germania dei Sudeti della Cecoslovacchia. Secondo DW Zelensky ha anche ricordato che nel 1938, l’allora quindicenne Kissinger fuggì dalla Germania nazista con la sua famiglia. “Aveva capito tutto perfettamente, e all’epoca non sentirono da lui che era necessario adattarsi ai nazisti invece di fuggire da loro o combatterli”, ha detto Zelensky secondo DW.

Leggi anche:
Regionali in Lombardia, la Moratti pronta a candidarsi alla presidenza

Kissinger, durante il suo discorso al World Economic Forum di Davos, aveva affermato che l’Occidente dovrebbe influenzare l’Ucraina per riprendere i colloqui di pace con Mosca, anche se Kiev dovrà fare una serie di concessioni prima che arrivino “scosse che non saranno facili da superare”. “Idealmente, la linea di demarcazione dovrebbe essere un ritorno al precedente stato di cose”, ha detto. Kissinger ha esortato a non distruggere le relazioni con la Russia e a non spingerla in questo modo a rafforzare l’alleanza con la Cina. “Spero che la saggezza degli ucraini corrisponda all’eroismo che hanno mostrato”, ha affermato l’ex segretario di Stato americano. A sua volta il Dipartimento di Stato americano in un commento a Ukrainform avrebbe detto: “Non sappiamo quando questa guerra finirà, ma sappiamo questo: l’Ucraina ne uscirà vittoriosa. E gli Stati Uniti staranno al fianco dell’Ucraina per tutto il tempo necessario”.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti