Arriva il musical “Ghost”, reinnamorarsi a teatro di Sam e Molly

Arriva il musical “Ghost”, reinnamorarsi a teatro di Sam e Molly
24 gennaio 2020

Il film che negli anni Novanta ha commosso migliaia di spettatori in tutto il mondo, “Ghost”, arriva in contemporanea in Spagna e Italia in versione musical, adattato per il teatro dallo sceneggiatore originale Bruce Joel Rubin, con la regia di Federico Bellone. Uno spettacolo che andrà in scena al Teatro EuropAuditorium di Bologna il 25 e 26 gennaio, al Sistina di Roma dal 28 gennaio al 9 febbraio, al Teatro degli Arcimboldi di Milano dall’11 febbraio al 1 marzo e poi in molte altre città fino a maggio.

Sui palcoscenici riprenderà vita la storia di Sam e Molly, nel film interpretati da Patrick Swayze e Demi Moore, qui da Mirko Ranù e Giulia Sol. La storia è quella del banchiere di New York e della giovane artista, la cui vita viene stravolta dall’omicidio di lui. Sam si ritrova ben presto fantasma e per manifestarsi a Molly si serve della truffaldina medium Oda Mae (Gloria Enchill). I due cercano di convincere Molly dell’esistenza di una vita ultraterrena e insieme riescono a smascherare il mandante dell’omicidio di Sam: l’avido Carl (Thomas Santu). Nella versione musical di “Ghost” come guest star internazionale, nel ruolo del fantasma dell’ospedale, c’è il cantante e compositore Ronnie Jones.

La regia e la scenografia sono di Federico Bellone, firma internazionale che ha contribuito al trionfo in Italia di grandi musical come Mary Poppins e West Side Story, la coreografia è affidata a Chiara Vecchi, il disegno luci è di Valerio Tiberi, mentre gli effetti speciali che danno vita ai fantasmi sono di Paolo Carta. La colonna sonora pop-rock è arrangiata da due big della musica internazionale, Dave Stewart, ex componente degli Eurythmics, e Glen Ballard, tra gli autori della musicista canadese Alanis Morissette.Il produttore dello spettacolo Gianmario Longoni ha spiegato: “E’ una storia d’amore connotata da un forte contraltare comico, e dal punto di vista musicale la scelta della produzione originale è stata quella di ricreare l’atmosfera degli anni Ottanta e Novanta. Si sente molto l’afflato musicale di quegli anni”.

Leggi anche:
Quattro chiacchiere con Falstaff, Nicola Alaimo svela i segreti del personaggio e non solo
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti