Il ministro Cartabia ringrazia Mattarella, riforma del Csm ineludibile

Il ministro Cartabia ringrazia Mattarella, riforma del Csm ineludibile
Marta Cartabia
21 gennaio 2022

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in prima fila nell’aula della Cassazione per l’inaugurazione dell’anno giudiziario, la sua ultima da Capo dello Stato e presidente del Csm. La ministra della Giustizia, Marta Cartabia lo ha ringraziato, ricordando come nel suo settennato non si sia mai stancato di stimolare un “profondo processo riformatore”: “Il Pnrr prevede la riforma della giustizia tributaria entro il 2022 ma prima ancora è necessario affrontare la riforma dell’ordinamento giudiziario e del Csm, ineludibile davvero come lei, signor presidente della Repubblica, ha più volte sottolineato, interpretando l’animo di molti e per quello che conta anche il mio”.

Anche il vicepresidente del Csm, David Ermini si è rivolto direttamente a Mattarella. “Abbiamo rischiato di essere travolti. Abbiamo reagito, la magistratura ha reagito. Grazie alla guida salda, ai suoi fermi richiami, al sostegno costante che lei signor presidente mai ha fatto mancare. A lei va la profonda riconoscenza di tutti i componenti del Consiglio e mia personale”. Durante la sua relazione, il procuratore generale della Cassazione, Giovanni Salvi, ha ricordato come se in Italia sono diminuiti i crimini violenti, così non è stato per gli omicidi contro le donne. E ha avvertito sulla pericolosità dei movimenti contro il green pass o il vaccino anti-Covid emersi negli ultimi tempi.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Leggi anche:
Amministrative Verona, Renzi: "Sceglieremo Tosi, è il più capace"
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti