Cinque consigli salva-schiena, anche con le palline da tennis

Cinque consigli salva-schiena, anche con le palline da tennis
3 maggio 2020

Schiena dolorante? Se non si ha tempo, voglia o desiderio di investire soldi in un massaggio professionale si possono seguire, per tentare di alleviare il disturbo e cercare il più possibile di prevenirlo, cinque spunti che arrivano da un esperto della University of Southern California, Kimiko Yamada, assistente professore di fisioterapia clinica. Ecco in dettaglio i cinque modi consigliati per provare ad alleviare il dolore senza ricorrere a massaggi professionali.

1. PALLINA DA TENNIS ci aiuti nel massaggio. Il meccanismo consigliato è mettere una pallina da tennis in un lungo calzino, posizionarla sulla spalla o sulla schiena dove si sente il bisogno di effettuare una pressione e poi appoggiarsi al muro o su una sedia per 8-10 secondi. Si può scegliere di metterne anche una su ogni lato della colonna vertebrale.

2. RULLO DI SCHIUMA per il fitness. Ci si sdraia a terra posizionandosi come se si stesse effettuando la posizione dell’angelo della neve, cioè con braccia e gambe allargate, ma con il rullo di schiuma lungo la schiena. Se non si riesce a sdraiarsi ci si può mettere contro un muro, con il rullo di schiuma perpendicolare alla colonna vertebrale, facendolo rotolare su e giù.

3. STRETCHING AL MATTINO. Secondo l’esperto è una buona idea fare stretching la mattina, iniziare la giornata con movimenti che aiutano ad aprire il torace e spingere indietro le scapole perché tutto quello che facciamo durante il giorno è davanti a noi. Si dovrebbe anche terminare la giornata in questo modo, sdraiandosi con il rullo di schiuma lungo la schiena e lasciando che la forza di gravità spinga indietro le scapole.

4. ATTENZIONE AI POLLICI. Chi massaggia gli altri vuole preservare i pollici, perché generalmente sono la prima parte delle articolazioni nelle mani che diventa artritica e dolorosa. In alternativa, si può utilizzare anche in questo caso una pallina da tennis.

5. Quando si fa un ‘auto massaggio’, si può fare una PRESSIONE UN PO’ PIU’ FORTE o insistere su un determinato punto.

Leggi anche:
Tosse secca frequente problema per bimbi. Ecco come gestirla
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti