Comprare casa, Palermo la più economica d’Italia

Comprare casa, Palermo la più economica d’Italia
3 marzo 2020

Negli ultimi tempi, nonostante la crisi economica abbia colpito duramente gli italiani, sembra che non sia mai venuto meno nel paese il desiderio di riuscire ad acquistare una casa di proprietà. Secondo recenti studi, continuano infatti ad aumentare anche in questi anni gli acquisti di immobili, e sempre più persone decidono di spendere ingenti somme per riuscire a permettersi una casa di proprietà. Ma dove gli italiani preferiscono acquistare le case? Ecco quelle che sono le città più richieste, valutando anche i costi medi delle varie città.

Dove comprare casa in Italia? Le città più economiche

Secondo i dati raccolti dagli ultimi studi, ci sono alcune località dove è più semplice acquistare una casa nonostante il blocco del mercato immobiliare e la crisi economica e, in particolare, tra queste spicca Palermo. Sono numerosi infatti gli immobili presenti in città venduti a basso costo, rendendola di fatto la città più economica in cui comprare una nuova casa in Italia. Secondo alcune stime, infatti, per riuscire ad acquistare una casa nella città siciliana occorrono circa 4 stipendi annuali, meno della metà rispetto ad altre città decisamente più costose. In assoluto, la città dove acquistare una casa è quasi proibitivo risulta essere Milano: il capoluogo lombardo infatti è quasi inarrivabile per i cittadini che guadagnano una mensilità medio-bassa, dato che per acquistare una casa di circa 80 metri quadri, le annualità da accumulare sono addirittura 10. Per trovare invece delle città dove il prezzo delle case si è abbassato occorre spostarsi a Bologna o a Verona.

Come fare per risparmiare dopo l’acquisto di casa?

Leggi anche:
L'Ue lancia strategia idrogeno, una rivoluzione di mercato

Una volta che ci si è decisi a comprare casa, è quindi importante trovare delle strategie utili a risparmiare, in modo da fare economia dopo aver effettuato una spesa così importante. In primo luogo è possibile iniziare dal trasloco, magari occupandosene in prima persona. Smontare e inscatolare personalmente le proprie cose o noleggiare un furgoncino, magari anche online, per occuparsi del trasporto, permetterà infatti di risparmiare evitando di dover assumere una ditta di traslochi. Un altro consiglio importante, una volta entrati in casa, è quello di ridurre quanto più possibile il consumo di energia dovuto agli elettrodomestici lasciati in stand-by, dato che è tra le voci di costo in grado di far aumentare maggiormente la bolletta durante il corso dell’intero anno. Anche una spesa organizzata può aiutare a gestire al meglio i costi in casa. Andare al supermercato facendosi guidare essenzialmente dal proprio istinto può infatti essere una strategia dannosa, dato che ci porta a comprare solo cose che al momento ci ispirano dimenticando magari quelle davvero essenziali. La classica lista della spesa può quindi essere utile per programmare al meglio i pasti della settimana ed evitare di spendere in maniera eccessiva comprando pasti pronti e junk food, spesso addirittura più costoso di alternative sane e cucinate in casa.

In una situazione di crisi come quella in cui ha versato l’Italia, è rilevante vedere come i segnali di ripresa anche nel mercato dell’edilizia non manchino, con abitazioni sempre più abbordabili (soprattutto a Palermo) e italiani desiderosi di comprare casa. L’importante, dopo un acquisto del genere, è imparare a fare economia.

Leggi anche:
Gentiloni: l'unico vero paracadute è una forte ripresa economica
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti