Conto alla rovescia per pace fisco, verso incasso 1,2 miliardi

Conto alla rovescia per pace fisco, verso incasso 1,2 miliardi
30 novembre 2019

Lunedi’ prossimo 2 dicembre il fisco chiama alla cassa: scade il termine per il pagamento della rata per chi ha aderito alla “rottamazione-ter” e al “saldo e stralcio” delle cartelle (ci sono comunque 5 giorni di ‘tolleranza’). Si tratta dell’ultima chiamata per 1,8 milioni di contribuenti che dovrebbe portare nelle casse dello Stato almeno 1,2 miliardi di euro che si aggiungeranno agli 1,6 miliardi gia’ incassati a luglio in occasione della prima rata della rottamazione-ter, per un gettito complessivo nel 2019 di 2,8 miliardi atteso dai due provvedimenti di definizione agevolata dei debiti iscritti a ruolo. L’obiettivo di incasso per l’anno in corso e’ contenuto nell’atto aggiuntivo tra Mef e Agenzia delle entrate-Riscossione illustrato il mese scorso dal presidente dell’Ente Antonino Maggiore durante l’audizione allla Camera. In quella occasione e’ emerso che la prima rata della rottamazione-ter, scaduta il 31 luglio, ha registrato pagamenti superiori alle attese e pertanto a fine anno il risultato complessivo potrebbe anche essere piu’ alto del previsto. In effetti la platea dei contribuenti interessati e’ molto ampia.

La scadenza del 2 dicembre (il termine fissato al 30 novembre cade di sabato ed e’ posticipato al lunedi’ successivo) riguarda il pagamento della prima rata di circa 385 mila contribuenti che hanno aderito al “saldo e stralcio” e di circa 267 mila “ritardatari” della “rottamazione-ter”, cioe’ chi ha usufruito della riapertura dei termini fino al 31 luglio 2019 per presentare la domanda (la scadenza iniziale era fissata al 30 aprile 2019). A questa platea si aggiungono circa 1 milione 170 mila contribuenti che hanno aderito alla “rottamazione-ter” entro il 30 aprile, compresi coloro che hanno mancato l’appuntamento della prima rata fissato allo scorso 31 luglio. Per questi ultimi, infatti, e’ prevista la possibilita’ di rientrare nei benefici della “rottamazione” saldando prima e seconda rata entro il 2 dicembre. Alla stessa data e’ fissato il termine per il pagamento della seconda rata della “rottamazione-ter” per i contribuenti che hanno versato la prima entro lo scorso 31 luglio. Il mancato, insufficiente o tardivo pagamento anche di una sola rata, oltre la tolleranza di cinque giorni prevista per legge (sono validi i pagamenti effettuati entro il 9 dicembre 2019), determina l’inefficacia della definizione agevolata, il debito non potra’ essere piu’ rateizzato e l’Agente della riscossione dovra’ riprendere le azioni di recupero.

Leggi anche:
ArcelorMittal pronta a lasciare Taranto per un miliardo, governo smentisce
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti