Cordoglio e rabbia artisti, una tragedia inspiegabile

Cordoglio e rabbia artisti, una tragedia inspiegabile
Eros Ramazzotti
8 dicembre 2018

“Le mie Marche sono colpite da una tragedia inspiegabile. Ci uniamo, con tutto il nostro affetto, al dolore dei familiari delle vittime” scrive su twitter Giovanni Allevi, uno dei tanti artisti che ha usato i social per unirsi al cordoglio per i ragazzi morti in discoteca. “Dolore immenso per i ragazzi di #ancona” scrive Jovanotti, “Senza parole” aggiunge Emma Marrone. “Un risveglio terribile. – per i Negramaro – #Ancona piange sei anime giovanissime perse in una notte di quelle che doveva essere una festa. E morire per una “festa” non rientra in un nessun genere musicale o idol generation che tenga. E’ solo una fottuta miserabile follia. #nelcuoreognunodivoiragazzi”.

Per Eros Ramazzotti “I live devono essere solo felicita’ e divertimento. Questa notte si e’ consumata una tragedia che non deve piu’ ripetersi. Il mio abbraccio e il mio pensiero vanno ai ragazzi che ora ci guardano da lassu’, alle loro famiglie e a quelli che stanno ancora combattendo. Mai piu’ #ancona”. “Con certe bestie in giro servono servizi d’ordine preparati ed inflessibili: tragedie simili possono e devono essere evitate” fa notare Frankie Hi Nrg. Per Briga “Questo e’ l’azzeramento della civilta’. L’esaltazione dell’idiozia. Sono addolorato, disgustato e mi sento anche inutile davanti a tutto questo. Siamo arrivati agli sgoccioli, siamo da rifondare”.

Leggi anche:
Mostra del cinema di Venezia, cinque film italiani in concorso

Sullo stesso tenore il messaggio di Giovanni Vernia: “Morire in discoteca. Nel 2018. Non per un attentato per uno spray urticante. Grande dolore per le sventurate vittime di un Paese disgraziato come il nostro. #Ancona”. “Tutti i nostri pensieri sono per le vittime della tragedia di ieri sera ad Ancona e le loro famiglie. Quello che e’ successo stanotte – dicono Benji e Fede – e’ inaccettabile, speriamo arrestino i responsabili dell’accaduto. La sicurezza ai concerti e’ fondamentale e va sempre presa con la massima serieta’”. Emanuele Filiberto posta la frase piu’ condivisa di oggi: “Da un concerto si torna senza voce, non senza vita”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti