Coronavirus, Figliuolo: “Dal 20 settembre terza dose per fragili”

Coronavirus, Figliuolo: “Dal 20 settembre terza dose per fragili”
Photo by Ashkan Forouzani
13 settembre 2021

Il nuovo bollettino del ministero della Salute sul Coronavirus in Italia oggi registra un numero di contagiati nettamente inferiore a ieri, ma il dato è sottostimato, come ogni lunedì, a causa dei pochi tamponi effettuati durante il fine settimana. Secondo il monitoraggio del ministero della Salute sull’andamento della pandemia e la pressione ospedaliera, il numero di decessi varia di pochissimo, mentre le terapie intensive registrano +4 posti e i ricoveri sono a quota +87 rispetto a ieri. Il tasso di positività, un po’ falsato sempre a causa del numero di tamponi effettuati, è 2,3%. La regione con più casi odierni è ancora la Sicilia, anche se in calo da diversi giorni, con 618 contagi, seguita da Emilia Romagna (+470), Veneto (+291), Lazio (+271) e Lombardia (+220), con Molise e Val d’Aosta che segnalano zero nuovi positivi. 

In dettaglio, sono 2.800 i nuovi contagi (ieri 4.664) e 36 i nuovi decessi (ieri 34). Dall’inizio dell’epidemia il numero di persone che hanno contratto il virus Sars-CoV-2, compresi guariti e deceduti, sono 4.609.205, mentre il totale delle vittime, da febbraio dello scorso anno, ha raggiunto il numero di 129.955 vittime. Le persone guarite o dimesse sono complessivamente 4.353.346, mentre quelle attualmente positive sono in tutto 125.904, -1.430 rispetto a ieri (-292 il giorno prima). A fronte di 120.045 tamponi totali, che comprendono quelli molecolari e gli antigenici, 147.313 in meno rispetto ai 267.358 di ieri, il tasso di positività è del 2,3% (l’approssimazione di 2,33%), mentre ieri era pari a 1,7%.

Leggi anche:
Coronavirus, Gimbe: "Ricoverati quasi tutti non vaccinati"

Oggi i contagi sono sotto la soglia di 3mila, non succedeva da metà luglio. Rispetto allo scorso lunedì, nella giornata odierna si registrano meno nuove infezioni del 6 settembre con un rapporto di casi su test inferiore (2,3% contro 2,5%), mentre il trend della curva è in lenta discesa. Capitolo sistema sanitario: in aumento le degenze in ogni area. Nei reparti Covid ordinari i posti letto occupati sono +87 (ieri -4), per un totale di 4.200 ricoverati. I posti letto occupati in terapia intensiva (TI) sono +4 (ieri +12): il numero totale dei malati più gravi è pari a 563, con 35 ingressi in rianimazione (ieri 36).

Al centro del dibattito resta il green pass: inizia oggi una settimana decisiva per il prossimo decreto del governo che dovrebbe estendere ulteriormente l’uso del certificato verde. I maggiori indiziati per l’allargamento sono i dipendenti pubblici e coloro che lavorano nelle attività per le quali è già obbligatorio per i clienti: bar, ristoranti, palestre, piscine, cinema, teatri, musei, circoli sportivi, sale da concerti e sale gioco, parchi tematici, fiere e, sembra, operatori dei trasporti a lunga percorrenza.

Intanto, la somministrazione di dosi addizionali e di dosi “booster” a determinate categorie, maggiormente esposte o a maggior rischio di malattia grave da SARS-CoV-2/COVID-19, è stata al centro di un incontro tra il ministro della Salute, Roberto Speranza, e il commissario straordinario all’emergenza sanitaria, Francesco Paolo Figliuolo. “Le somministrazioni – rende noto la struttura commissariale – avverranno dal 20 settembre a partire dai soggetti immunocompromessi”. A seguito del parere favorevole espresso dalla Commissione tecnico scientifica dell’Aifa e del Cts, “è in corso da parte del ministero della Salute un confronto con i tecnici delle Regioni per la puntuale definizione della popolazione target. Saranno di conseguenza aggiornati i sistemi informatici per l’avvio delle somministrazioni su tutto il territorio nazionale. Verranno dunque rese disponibili dosi addizionali di vaccino a m-RNA (BioNTech/Pfizer e Moderna) per l’avvio delle somministrazioni”.

Leggi anche:
Il Giappone invecchia e scommette sulle auto a guida autonoma
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti