Jamal Eishayyal (Al Jazeera): reporter nel mirino ma non andiamo via

Jamal Eishayyal (Al Jazeera): reporter nel mirino ma non andiamo via
18 maggio 2021

“Assistere al bombardamento della nostra sede a Gaza City e’ stato terribile ma non ci ha stupito piu’ di tanto: Israele causa regolarmente la morte dei giornalisti, ferisce o arresta. Cio’ che stupisce e’ la comunita’ internazionale, che da un lato si batte per la liberta’ di stampa e dall’altro vende armi allo Stato di Israele e non gli chiede di rispondere del proprio operato”. Jamal Eishayyal e’ un giornalista britannico di Al Jazeera. L’agenzia Dire lo contatta a Doha, dove ha sede il quartier generale dell’emittente internazionale del Qatar, la cui redazione nella Striscia di Gaza e’ stata bombardata nel fine-settimana. Tel Aviv ha motivato l’abbattimento della torre con la presenza di cellule di Hamas nell’edificio. “E’ un sciocchezza- commenta il cronista- perche’ se davvero esisteva questo sospetto perche’ dare un’ora di preavviso prima di bombardare? E poi Al Jazeera e’ un’emittente seria, accreditata in tutto il mondo: mai av rebbe accettato di lavorare accanto ad Hamas, cosi’ come i colleghi statunitensi dell’agenzia Ap o i francesi di Afp”.

Jamal Eishayyal (Foto Dire)

L’obiettivo, per Eishayyal, e’ un altro: “Impedire ai media di raccontare quello che sta accadendo. D’altronde, periodicamente Israele nega l’ingresso agli inviati stranieri nella Striscia. Conosco colleghi stranieri a Gerusalemme e Cisgiordania che ora vorrebbero andare a Gaza ma non possono. L’interdizione e’ scattata due giorni prima dell’operazione militare”. Eishayyal stesso non puo’ piu’ tornare dal 2010. “Presi parte alla Gaza Freedom Flotilla e venni arrestato e da allora dichiarato persona non grata” ricorda il giornalista. L’iniziativa internazionale puntava a rompere l’embargo imposto da Israele sulla Striscia nel 2006 per colpire i movimenti armati, a partire da Hamas, che Tel Aviv considera “terrorista”. Eishayyal denuncia “intimidazioni” di Israele nei confronti di Al Jazeer. “Gia’ nel 2014 avevano bombardato l’edificio di fronte, danneggiando il nostro – ricorda il cronista – ma stavolta e’ stato superato un confine, e per giunta senza prove: il segretario di Stato americano Antony Blinken ha chiesto a Tel Aviv di dimostrare la presenza di Hamas nell’edificio e non ha avuto risposta”.

Neanche seguire le attivita’ di Hamas, che ha causato la morte di dieci persone in Israele e lanciato migliaia di razzi oltre il confine, e’ pero’ scontato. “E’ un movimento armato e quindi tiene nascosti i suoi piani” dice il giornalista. “L’Occidente pero’ non deve dimenticare che Hamas e’ un movimento di resistenza nato per porre fine a una occupazione militare e a uno stato di apartheid, come riconosciuto da un recente rapporto di Human Rights Watch o da personalita’ del calibro di Desmond Tutu”. Un riferimento, questo, all’arcivescovo sudafricano che sostenne la lotta anti-segregazionista di Nelson Mandela. Quanto alle accuse spesso rivolte all’emittente del Qatar di essere “anti-israeliana” o “anti-sionista”, Eishayyal risponde: “Al Jazeera segue anche la cronaca israeliana e da’ spazio a tutto. Ma la segregazione, gli abusi e l’assenza di diritti di cui soffrono i palestinesi sono un dato di fatto. L’uccisione di oltre 200 civili a Gaza negli ultimi giorni sono dati di fatto, cosi’ come l’embargo o il bavaglio ai media. La comunita’ internazionale non puo’ continuare a proclamarsi equidistante di fronte alla violazione di diritti fondamentali”. Ora che non ha piu’ una sede, Al Jazeera lascera Gaza? “Si puo’ fare giornalismo anche senza avere una sede” risponde il reporter. “I nostri colleghi, nonostante temano per la loro sicurezza, non hanno intenzione di andare via”. (Dire)

Leggi anche:
Da improcedibilità a giustizia riparativa, le novità della riforma Cartabia
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti