Lavrov: la Russia non si considera in guerra con la Nato

Lavrov: la Russia non si considera in guerra con la Nato
Sergey Lavrov
30 aprile 2022

La Russia non si considera in guerra con la Nato, perché questo farebbe crescere i rischi di guerra nucleare, cosa che non può essere consentita. L’ha detto oggi il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, in un’intervista al canale televisivo Al-Arabiya. I negoziati tra la Federazione russa e l’Ucraina sulle garanzie di sicurezza potrebbero andare avanti in modo significativo, se Kiev fosse un negoziatore “onesto” ha affermato Lavrov. “Se fossero negoziatori onesti, se si impegnassero passo dopo passo in ciò che hanno concordato, potremmo fare progressi significativi in questi negoziati e all’Ucraina verrebbero fornite garanzie di sicurezza da un certo numero di Paesi. Noi non avevamo nulla in contrario”.

Mosca contesta a Kiev l’aver richiesto, a differenza di quanto stabilito in un primo momento, che le garanzie di sicurezza – condizione per dichiarare il suo status neutrale – si estendano anche alla Crimea e alle regioni dell’Ucraina orientale. La Crimea è stata annessa alla Russia nel 2014 e le repubbliche autoproclamate di Donetsk e Lugansk, in Donbass, sono state riconosciute come indipendenti dal Cremlino.  “Non ci consideriamo in guerra con la Nato, perché questo sarebbe un passo che aumenterebbe i rischi di quanto appena discusso”, cioè l’inizio di una guerra nucleare. “Purtroppo, c’è la sensazione che la Nato creda di essere in guerra con la Russia”, ha aggiunto il capo della diplomazia di Mosca, portando come esempio le “dichiarazioni dei vertici dell’Alleanza Atlantica, degli Stati Uniti e dei leader europei, in particolare in Gran Bretagna, Polonia, Francia e Germania, i quali dicono che la Russia deve essere sconfitta”. 

Leggi anche:
Sicilia, cala il sipario su primarie progressiste. Cancelleri fuori?

La Russia non minaccia nessuno con una guerra nucleare, sono i Paesi occidentali stanno iniziando a parlarne. “Mi è stato chiesto se una guerra nucleare è possibile, se i rischi di iniziare una guerra nucleare siano aumentati e se la Russia presuma che ciò possa accadere. Ho risposto che fin dall’inizio della nostra cooperazione con l’amministrazione (dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald) Trump, abbiamo offerto loro di riaffermare la tesi di Reagan-Gorbaciov del 1997 secondo cui non ci possono essere vincitori in una guerra nucleare e che quindi non dovrebbe mai essere scatenata”. Intanto, il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha detto di essere ancora pronto a incontrare il presidente russo Vladimir Putin nonostante le atrocità russe. Il leader ucraino ha detto che è pronto all’incontro perché in Russia “un solo uomo decide tutto” ma il rischio che i negoziati con Mosca falliscano è alto.  “Dopo Bucha e Mariupol, le persone vogliono solo ucciderli. E quando c’è un tale atteggiamento, è difficile parlare di qualsiasi cosa”, ha detto Zelensky ai media polacchi. Ma “se c’è una sola possibilità, dovremmo parlare”.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti