L’Inter prova la fuga: 3-0 al Genoa, vincono Cagliari e Udinese

L’Inter prova la fuga: 3-0 al Genoa, vincono Cagliari e Udinese
28 febbraio 2021

L’Inter lancia l’ennesimo segnale forte al campionato: sta bene e sarà difficile fermarla. Contro il Genoa finisce 3-0 per i nerazzurri. Nell’Inter assente Hakimi, squalificato, Conte schiera Darmian a destra. Per il resto stessi undici che hanno travolto il Milan nel derby, con Eriksen a centrocampo e Perisic a sinistra. In attacco la coppia Lautaro-Lukaku. Nel Genoa, Ballardini si affida in avanti alla coppia formata da Scamacca e Pjaca con Destro in panchina. Nerazzurri col 3-5-2: Handanovic; Skriniar, de Vrij, Bastoni; Darmian, Barella, Brozovic, Eriksen, Perisic; Lukaku, Lautaro. Rossoblù a specchio, 3-5-2: Perin; Zapata, Radovanovic, Goldaniga; Ghiglione, Melegoni, Rovella, Strootman, Czyborra; Scamacca, Pjaca.

Non passa un minuto, esattamente 32 secondi, e l’Inter è in vantaggio: Bastoni rinvia di testa, Barella verticalizza immediatamente, rapido scambio tra Lautaro Martinez e Lukaku col belga che arriva al limite e con un diagonale di destro fulmina Perin, 1-0 (1’). Il Genoa prova a reagire, ma il sinistro dal limite di Rovella finisce tra le braccia di Handanovic (11’). Di nuovo dominio dei milanesi che creano occasioni in serie: al 14’ bella percussione di Darmian che conclude a tu per tu con Perin, palla a lato di un soffio. Al 15’ Ghiglione riesce ad anticipare Lautaro pronto a battere nella porta praticamente vuota. Al 17’ fa tutto Barella ma il suo sinistro a giro ‘pizzica’ la traversa. Altra fuga in velocità dell’imprendibile Lukaku che entra in area e incrocia, Perin para in due tempi (30’). Grifone pericoloso al 32’ sugli sviluppi di un calcio d’angolo, con Handanovic che, contrastato da bastoni e Skriniar, perde palla, ma poi è pronto a respingere l’immediato tiro di Scamacca.

Leggi anche:
"Nomaland" di Chloé Zhao protagonista ai Bafta

Doppia chance in un minuto per Lautaro prima con un tiro a giro debole e poi in semirovesciata, ma Perin è attento e blocca entrambi i tiri (35’ e 36’). Nella ripresa ritmi più bassi, con la formazione di Conte in assoluto controllo e i rossoblù di Ballardini che non vogliono sbilanciarsi e lasciare spazio alle terribili ripartenze dell’Inter. Prima Lautaro (50’) e poi Lukaku (55’) vengono anticipati da ottimi interventi dei difensori. Il raddoppio nerazzurro arriva al 69’ grazie alla fuga del ‘solito’ Lukaku che poi in area scarica per Darmian, il cui destro incrociato supera per la seconda volta Perin. All’80’ c’è il tris con Alexis Sanchez che, appena entrato, deposita in rete di testa un pallone respinto da Perin sulla girata ravvicinata di Lukaku. Rete convalidata dal Var, per la millimetrica posizione in gioco del belga sul cross di Perisic. E’ il gol del definitivo 3-0.

Udinese-Fiorentina 1-0

L’Udinese batte 1-0 la Fiorentina al termine di una gara molto equilibrata e conquista punti preziosi per rimanere lontana dalla zona calda della classifica. I friulani di Gotti agganciano così l’undicesima posizione con 28 punti, ancor più lontani dalla zona calda della classifica. Stesso discorso non si può certo fare per i viola di Prandelli che sono fermi a quota 25, quint’ultimi assieme a Benevento e Spezia. Alla Dacia Arena nel primo tempo succede davvero poco, anche se nel recupero un tiro da oltre 30 metri di Martinez Quarta deviato, impegna Musso che mette in angolo dopo un tocco sulla traversa (46’pt). Il pesantissimo gol che decide il match arriva però al minuto n.86: perfetto cross dalla destra di De Paul per Nestorovski che, in posizione buona per pochi centimetri, anticipa Milenkovi e con una perfetta incornata riesce a superare il portiere viola Dragowski. E’ 1-0 per la festa friulana.

Crotone-Cagliari 0-2

Buona la prima di Leonardo Semplici sulla panchina del Cagliari, che fa suo lo scontro salvezza contro il Crotone e torna alla vittoria dopo 16 turni. Allo Scida i sardi si impongono per 2-0. Calabresi sempre più fanalino di coda con soli 12 punti e Cagliari che sale al terz’ultimo posto con 18 e 2 sole lunghezze di ritardo sulla quart’ultima piazza, che significherebbe salvezza. Primo tempo non fortunato per i calabresi di Stroppa costretto a sostituire per infortunio Vulic e Molina. I calabresi costruiscono tanto, ma senza sbloccare. Il risultato si sblocca, invece, nella ripresa in favore dei sardi che sfondano alla prima, vera occasione. Cross dalla destra di Lykogiannis per lo stacco vincente di Pavoletti, 0-1 (56’). Passano due minuti e c’è un rigore per il Cagliari (fallo di Magallan su Pavoletti). Dal dischetto va Joao Pedro che fulmina Cordaz per lo 0-2 (60’).

Leggi anche:
E' morto Marco Bollesan, leggenda del rugby azzurro

Risultati (ventiquattresima giornata): Torino-Sassuolo (rinviata), Spezia-Parma 2-2, Bologna-Lazio 2-0, Verona-Juventus 1-1, Sampdoria-Atalanta 0-2, Crotone-Cagliari 0-2, Inter-Genoa 3-0, Udinese-Fiorentina 1-0, ore 18 Napoli-Benevento, ore 20.45 Roma-Milan

Classifica: Inter 56, Milan 49, Juventus, Atalanta 46, Roma 44, Lazio 43, Napoli 40, Sassuolo, Verona 35, Sampdoria 30, Bologna, Udinese 28, Genoa 26, Fiorentina, Benevento, Spezia 25, Torino 20, Cagliari 18, Parma 15, Crotone 12

Prossimo turno (venticinquesima giornata): 2/2 ore 18.30 Lazio-Torino, ore 20.45 Juventus-Spezia; 3/3 ore 18.30 Sassuolo-Napoli, ore 20.45 Atalanta-Crotone, Benevento-Hellas Verona, Cagliari-Bologna, Fiorentina-Roma, Genoa-Sampdoria, Milan-Udinese, 4/3 ore 20.45 Parma-Inter

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti