Morto in II guerra mondiale, pilota Usa sepolto 74 anni dopo

Morto in II guerra mondiale, pilota Usa sepolto 74 anni dopo
Loren Hintz
17 novembre 2019

A 74 anni dalla morte il pilota americano Loren Hintz e’ stato seppellito al Cimitero americano di Firenze, ai Falciani, accanto ai suoi commilitoni caduti durante la II guerra mondiale. Una cerimonia resa possibile dal ritrovamento tre anni fa a Bagnarola di Budrio, nel Bolognese, dei suoi resti insieme alla sua medaglietta identificativa e al motore del cacciabombardiere P47 Thunderbolt a bordo del quale il militare decollo’ da Cesenatico il 21 aprile 1945 venendo poi abbattuto dai tedeschi. Una scoperta resa possibile da un gruppo di appassionati italiani dell’associazione ‘Air club & fun’ e dalla determinazione della famiglia di Hintz, morto a 27 anni lasciando la moglie con una figlia di neanche un anno e un bimbo in arrivo.

E i due figli, con un’altra trentina di familiari e amici, insieme al console Usa a Firenze Benjamin V.Wohlauer, oggi hanno preso parte alla cerimonia al cimitero dei Falciani. “In questo giorno la nostra famiglia ci ricorda l’importanza di non dimenticare questi coraggiosi uomini e donne che hanno donato la loro vita. E’ importante ricordare che ognuno di questi soldati ha lasciato una storia, una famiglia, un testamento spirituale”, le parole del figlio Lorenz Martin. “Voglio ringraziare gli italiani per quello che hanno fatto”, aggiunge la sorella Gretchen Marie Hintz Wronka che pur non avendo ricordi del padre, considerato quanto era piccola quando mori’, si dice “fortunata”: “conservo le foto con lui” e oggi ha voluto “indossare l’anello di fidanzamento che mio padre diede a mia madre”. “Hintz – ha affermato il console Usa – rappresenta non solo i tanti militari americani che sono in questo territorio sacro ma anche la storia di un uomo che ha fatto l’ultimo sacrificio per i nostri valori condivisi. E’ importante raccontare queste storie”.

Leggi anche:
Scoperto traffico illecito di rifiuti verso la Bulgaria
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti