Morto Sergio Zavoli, aveva 96 anni. Mattarella: il giornalismo perde uno dei suoi maestri

Morto Sergio Zavoli, aveva 96 anni. Mattarella: il giornalismo perde uno dei suoi maestri
Sergio Zavoli
5 agosto 2020

E’ morto ieri sera a Roma Sergio Zavoli, giornalista, ex presidente della Rai. Aveva 96 anni. Padre di programmi storici come La notte della Repubblica, Zavoli è stato radiocronista, condirettore del telegiornale, direttore del Gr, presidente della Rai dal 1980 al 1986, autore di inchieste che hanno segnato la storia. Nato a Ravenna nel 1923, Sergio Zavoli era entrato alla Rai nel 1947 come giornalista radiofonico. Il passaggio alla tv nel 1968: Zavoli ideò trasmissioni di grande successo come TV7, AZ, Controcampo; l’anno successivo diventò condirettore del Telegiornale e poi ancora direttore del Gr1 (1976) e presidente della Rai (1980-86). Zavoli è stato anche direttore del Mattino di Napoli (1993-94) e ha firmato come opinionista per varie riviste come Oggi, Epoca, Jesus.

Senatore dal 2001 al 2018, nel 2009 è stato eletto presidente della commissione parlamentare per la vigilanza sulla Rai. Sergio Zavoli ha scritto saggi, come Viaggio intorno all’uomo (1969), Nascita di una dittatura (1973), La notte della Repubblica (1992), legati a sue trasmissioni televisive di successo. Zavoli ha pubblicato anche Dieci anni della nostra vita: 1935-1945 (1960); Altri vent’anni della nostra vita: 1945-65 (1965); Figli del labirinto (1974); Socialista di Dio (1981); Romanza (1987); Di questo passo (1993); Un cauto guardare (1995); Dossier cancro (1999); Il dolore inutile (2002); Diario di un cronista (2002); La questione: eclissi di Dio e della storia (2007). Nel 2011 Sergio Zavoli ha pubblicato il libro autobiografico Il ragazzo che io fui; la sua sterminata produzione ha coinvolto anche la poesia. Tra i programmi televisivi: Viaggio nel sud (1992); Nostra padrona televisione (1994); Credere, non credere (1995), dal quale è stato tratto un volume (1997). Domani ci sarà la camera ardente, probabilmente in Senato, poi sarà tumulato a Rimini.

Leggi anche:
L'accusa del Pm: depistaggi dei Carabinieri ancora oggi, dopo 11 anni

“La scomparsa di Sergio Zavoli rappresenta una perdita incolmabile non solo per la Rai, con la quale la sua storia professionale e personale è profondamente intrecciata, ma per tutto il Paese” affermano il presidente della Rai Marcello Foa e l’ad Fabrizio Salini. “Dopo aver esordito in radio ed aver dato anche in quei primi anni il suo insostituibile contributo, Sergio Zavoli, successivamente impegnato con spessore e intelligenza nel giornalismo sportivo, ha firmato inchieste articolate e penetranti che hanno segnato in profondità la storia civile del paese – ricordano – approfondimenti come ‘Nascita di una dittatura’ e ‘La notte della Repubblica’ hanno ripercorso in forma problematica pagine drammatiche di storia nazionale mettendo in luce elementi di debolezza e anche capacità di riscatto della società italiana in quei cruciali passaggi. La presidenza della Rai in anni difficili, ruolo svolto sempre con spirito di servizio autentico, ha caratterizzato in profondità un passaggio fondamentale nella storia dei media in Italia”.

“Il successivo periodo nelle Istituzioni come senatore della Repubblica e il ruolo di presidente della Commissione di Vigilanza sul sistema radiotelevisivo sono stati il naturale completamento di un percorso di impegno civile, che Zavoli ha interpretato con un senso profondo dello Stato, inteso come articolazione delle istituzioni democratiche e di servizio alla comunità nazionale. Scrittore attento e acuto, ha valorizzato la lingua italiana utilizzandola con sapienza di volta in volta per veicolare notizie, impressioni, descrivere fatti, spiegare fenomeni sociali e processi politici complessi; Sergio Zavoli è stato un intellettuale al servizio del paese formatosi e cresciuto in Rai, autenticamente intesa come Servizio Pubblico”, concludono Foa e Salini. La salma di Zavoli, verrà trasportata a Rimini e “riposerà accanto a quella di Federico Fellini”, ha annunciato, per volere dei familiari, il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi.

IL CORDOGLIO DI MATTARELLA

Leggi anche:
Mattarella risponde a Johnson, ampia copertura della stampa britannica. E intanto la fidanzata di BoJo è in vacanza in Italia, è polemica

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, esprime cordoglio per la morte di Sergio Zavoli. La sua scomparsa, afferma in una nota, “mi addolora”. “Desidero anzitutto esprimere i miei sentimenti di vicinanza e solidarietà ai familiari. Il giornalismo italiano – sottolinea – perde uno dei suoi maestri. Il congedo di Zavoli, come lui stesso lo definiva, sarà occasione per ripensare la sua eredità, per ricordare l`originalità e la qualità dei suoi lavori più importanti, per trarre spunti e ispirazione dal suo stile, dalla sua etica professionale, dalla sua grande forza narrativa capace di andare in profondità e di cogliere l`umanità che sta dietro gli eventi e i protagonisti”.

“Giornalista, scrittore, intellettuale di grande sensibilità, Zavoli è stato un pioniere dalla radio e una personalità tra le più rappresentative della televisione italiana. Il suo nome e il suo volto – ricorda Mattarella – sono legati a programmi di successo e di valore, che resteranno nella memoria. La sua autorevolezza lo portò alla presidenza della Rai e, successivamente, da senatore, alla presidenza della Commissione di vigilanza sui servizi radiotelevisivi. Lascia una testimonianza di un grande insegnamento per tutto il mondo dell`informazione e per i giovani che si avviano a una professione così importante per le libertà democratiche e per la qualità della vita civile”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi anche:
Terremoto in Vaticano, l'ira di papa Francesco: toglie a Becciu i diritti da cardinale

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti