Navalny scatena proteste in Russia, oltre 3mila arresti

Navalny scatena proteste in Russia, oltre 3mila arresti
24 gennaio 2021

Sono oltre 3mila gli arresti eseguiti in decine di città russe dalle forze di sicurezza nel corso delle manifestazioni di piazza per la scarcerazione di Alexei Navalny. Questo l’ultimo aggiornamento dell’ong OVD-Info, secondo cui le persone arrestate a Mosca sono oltre mile. Era stata arrestata a Mosca anche la moglie di Navalny, Yulia, poi rilasciata, come precisato dalla Fondazione di Navalny. Intanto, qualcuno inizia già a chiamarla la Rivoluzione delle palle di neve. Ma per ora, in una Russia immersa nel gelo, quella che si è tenuta in oltre 80 città è più che altro una delle più grandi azioni di protesta scatenata dalla incarcerazione di Aleksey Navalny e dalla pubblicazione di un video di quasi due ore, in cui il blogger attribuisce al presidente russo Vladimir Putin spese folli per una tenuta sul Mar Nero.

Nonostante il freddo, polare in alcune zone della Russia, i manifestanti sono scesi in piazza. La polizia ha iniziato subito con i fermi, usando progressivamente sempre più la mano pesante via via che la folla aumentava, in particolare a Mosca e San Pietroburgo: le scene di massa forse più impressionanti si sono viste nella capitale degli Zar, proprio sulla prospettiva Nevskij. Fenomeno impressionante anche la presenza di giovanissimi e addirittura bambini in piazza. Circa quindici minori sono stati arrestati nella manifestazione non autorizzata a Mosca. I dati sono stati forniti dal Commissario per i diritti dei bambini nella Federazione russa Anna Kuznetsova. Secondo le agenzie russe, i più giovani di loro avevano nove e dodici anni. Le autorità segnalano anche 39 poliziotti feriti a Mosca.

Fermata durante un piccolo comizio anche Liubov Sobol. In un tweet in russo l’ambasciata americana a Mosca scrive: “Le autorità russe arrestano manifestanti e giornalisti pacifici. Questa sembra essere una campagna concertata per sopprimere la libertà di parola e di riunione pacifica. In anni recenti in Russia continuano le azioni repressive contro la società civile, i media indipendenti e l’opposizione politica”. Immediata la replica della portavoce della diplomazia russa, Maria Zakharova. Il ministero degli Esteri russo ha fortemente raccomandato agli Stati Uniti di affrontare la situazione all’interno del suo paese, ricordando che l’ambasciata russa in America non ha reagito in alcun modo alle manifestazioni a Washington del 6 gennaio e ai tentativi di assalto al Campidoglio, e inoltre non ha condannato gli omicidi e le detenzioni avvenute. La tensione resta alta.

Leggi anche:
Covid-19, Iss: variante brasiliana si espande da Umbria a Lazio e Toscana
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti