Numeri stabili in Lombardia, fra un po’ inizierà discesa

Loading the player...
1 aprile 2020

I numeri dei nuovi contagi in Lombardia sono stabili: “Siamo nel rispetto di quella linea di continuità, non esiste più l’incremento” di alcuni giorni fa, ha dichiarato il governatore Attilio Fontana. “Siamo in piano, quindi sviluppiamo quella ipotesi secondo cui è stato raggiunto il culmine, si procederà così per un pò poi dovrebbe iniziare la discesa”, ha aggiunto. “Siamo contenti ma invitiamo i cittadini a tenere alta la guardia altrimenti c’è rischio che contagio possa riprendere mentre le misure stanno dimostrando di essere efficaci”, ha concluso.

In cifre, i decessi legati al coronavirus sono 394 nelle ultime 24 ore, che portano il totale a 7.593. Ci sono 1.565 positivi più di ieri, quando erano stati 1.047, e il totale sale a 44.773. “Ma abbiamo fatto 7.392 tamponi in più di ieri, quindi sostanzialmente ci sono meno positivi”, ha spiegato invece l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera. “E c’è una riduzione dei ricoverati: il numero delle persone che entrano è più basso di quelli che escono dall’ospedale. Di poco, ma è comunque un dato positivo”, specificando che da ieri sono state ricoverate 44 persone portando il totale a 11.927. In terapia intensiva ci sono 1.342 pazienti, 18 più di ieri. “Anche oggi la situazione è positiva in relazione ai dati, sarebbe folle vanificare tutto, capiamo che rimanere a casa soprattutto per chi ha bimbi piccoli è faticoso perché bisogna inventarsi ogni minuto qualcosa ma stare chiusi in casa ci ha portato a dire che forse c’è una luce in fondo a quel tunnel che da flebile sta diventando più determinata. Tuttavia, per l’assessore “la capacità di resistere non può deflettere oggi”. In sostanza, “siamo riusciti a non dare al virus corpi di cui nutrirsi, dobbiamo continuare così”.

Leggi anche:
Autopsia commissionata da famiglia, Floyd morto per asfissia
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti