Oms: ondata Covid in Cina mette in dubbio fine globale pandemia

Oms: ondata Covid in Cina mette in dubbio fine globale pandemia
21 dicembre 2022

Potrebbe essere troppo presto per dichiarare la fine globale dell’emergenza pandemica di Covid-19 a causa di un’ondata potenzialmente devastante in arrivo in Cina, secondo diversi importanti scienziati e consiglieri dell’Organizzazione mondiale della sanità, citati dal Guardian. Le proiezioni di uno studio appena pubblicato suggeriscono che la seconda economia più grande del mondo potrebbe affrontare più di un milione di morti nel 2023 dopo il brusco cambiamento di rotta e l’abbandono della politica “Zero-Covid” che ha mantenuto le infezioni e i decessi relativamente bassi tra la popolazione di 1,4 miliardi di persone.

“La domanda è se si possa definire post-pandemia, quando una parte così significativa del mondo sta effettivamente entrando nella sua seconda ondata”, ha affermato la virologa olandese Marion Koopmans, che fa parte di un comitato dell’Oms incaricato di fornire consulenza sullo stato dell’emergenza Covid. “È chiaro che ci troviamo in una fase molto diversa” della pandemia, “ma nella mia mente quell’ondata in arrivo in Cina è un jolly”, ha aggiunto. Non più tardi di settembre, il direttore dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, aveva affermato che “la fine è in vista” per la pandemia.

La scorsa settimana ha detto ai giornalisti a Ginevra di essere “fiducioso” in una fine dell’emergenza nel 2023. La maggior parte dei paesi ha rimosso le restrizioni Covid poiché le minacce di nuove pericolose varianti del virus o una recrudescenza delle infezioni sono regredite nella seconda metà del 2022. I commenti di Tedros hanno alimentato la speranza che l’agenzia delle Nazioni Unite possa presto rimuovere la designazione del livello di allerta più alto per Covid, in vigore da gennaio 2020. Koopmans e altri membri del comitato consultivo dell’Oms dovrebbero formulare la loro raccomandazione sul livello di allerta alla fine di gennaio. Tedros prenderà la decisione finale e non è obbligato a seguire la raccomandazione del comitato.

Leggi anche:
Demi Moore le altre star sul red carpet del Gala amfAR
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti