Scontro su data voto Giunta immunità, maggioranza lascia i lavori su Gregoretti. Duello Conte-Salvini

Scontro su data voto Giunta immunità, maggioranza lascia i lavori su Gregoretti. Duello Conte-Salvini
Matteo Salvini e Giuseppe Conte
14 gennaio 2020

La maggioranza abbandona i lavori sul caso Gregoretti. I 10 senatori di M5s, Pd, Leu e gruppo Misto hanno lasciato, per protesta, la riunione della Giunta delle immunita’ del Senato dopo che e’ stata respinta la richiesta del M5s di avere ulteriori documenti sulla salute dei 131 migranti bloccati l’estate scorsa per 4 giorni sulla nave della Guardia costiera. Contestano inoltre la decisione di convocare l’ufficio di presidenza per decidere l’eventuale rinvio del voto a dopo le Regionali del 26 gennaio, nonostante l’assenza annunciata del capogruppo di Leu Pietro Grasso. Sono sempre piu’ in bilico i tempi del verdetto sull’autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini: verdetto richiesto dal tribunale dei ministri di Catania e previsto, al momento, entro il 20 gennaio (a meta’ febbraio, quello definitivo dell’Aula). Ad accendere i toni sono state le parole del premier sulla vicenda del ritardato sbarco. In un’intervista al Corriere della sera, Conte chiarisce: “Tutta la fase decisionale e’ stata gestita dall’allora ministro dell’Interno, che l’ha anche rivendicata”, mentre si attribuisce un ruolo nella trattativa sulla redistribuzione dei migranti in Europa e afferma: “Non posso affermare di essere stato coinvolto”.

Durissima la replica di Salvini: “A me la gente che perde l’onore e sacrifica la sua dignita’ per salvare la poltrona, fa un’immensa tristezza”, urla da un comizio nell’Emilia che sta girando da giorni. Nel pomeriggio scoppia il caos in Giunta. A innescare la prima miccia, la richiesta del senatore M5s Mattia Crucioli di chiarimenti sul rinvio del voto, proposto la settimana scorsa proprio dalla maggioranza, dato lo stop dei lavori del Senato dal 20 al 24 gennaio per la campagna elettorale per le regionali. Il presidente della Giunta, l’azzurro Maurizio Gasparri, risponde affidando il responso all’ufficio di presidenza. E cio’ nonostante l’assenza di Grasso, in missione negli Stati Uniti con la commissione antimafia. Con lui, sempre per motivi di missione, e’ assente anche il 5S Mario Giarrusso. In questa situazione di alta tensione si aggiunge l’istanza di maggiori approfondimenti, attraverso la richiesta di documenti sanitari dei migranti che, secondo Crucioli, mancano all’appello. E invece sarebbero utili per la decisione finale. A quel punto Gasparri ricorre ai voti: finisce 10 a 10 (sui 23 senatori della Giunta, 3 sono assenti) compreso il ‘no’ del presidente, che dunque respinge la richiesta.

Troppo per la maggioranza che, compatta, lascia la riunione e attacca Gasparri e il resto delle opposizioni gridando al “colpo di mano”. “Il presidente ha detto fino a ieri che questo e’ un organo giurisdizionale ma si e’ comportato in maniera piu’ politica degli altri”, rilancia la capogruppo del M5s nella Giunta Elvira Evangelista che insiste: “Non e’ stato un presidente imparziale”. Le fa eco la senatrice Dem Anna Rossomando: “E’ un’evidente forzatura, oggi non avremmo dovuto votare. Gasparri non ha rispettato una prassi di garbo istituzionale”. Il presidente si difende ricordando: “Ho facolta’ di votare, in quanto componente della Giunta”, anche perche’ da relatore del caso, osserva, “se avessi ritenuto ch mancavano determinati documenti e c’era bisogno di un approfondimento l’avrei detto io, per primo”. Inoltre, sull’ufficio di presidenza convocato alle 19, precisa che “non e’ un organo in cui si vota” E taglia corto: “Ci sara’ una proposta prevalente. Se non verra’ raggiunta l’unanimita’, la questione verra’ posta in Giunta”. Insomma, tra poche ore la parola passa alla quinta riunione della commissione.

Leggi anche:
Dl Rilancio, approdo in Aula Camera lunedi 6 con fiducia
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti