Potente attacco russo contro Azovstal. Colpita per la prima volta la Transcarpazia

Potente attacco russo contro Azovstal. Colpita per la prima volta la Transcarpazia
4 maggio 2022

La Transcarpazia, una regione precedentemente indenne che confina con l’Ungheria nell’Ucraina occidentale, è stata colpita per la prima volta dall’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio. “Un missile è caduto in una zona montuosa della Transcarpazia. I servizi stanno lavorando sul posto, stiamo chiarendo le informazioni sui feriti e le possibili vittime”, ha detto il governatore di questa regione, Viktor Mikita, su Telegram. 

Intanto, il vicecomandante del reggimento Azov conferma: è in corso un “potente assalto” russo contro la fabbrica Azovstal, a Mariupol. “E’ attualmente in corso un potente assalto al territorio dell’Azovstal, con l’appoggio di mezzi corazzati, carri armati, con tentativi di sbarco di truppe, con l’ausilio di barche e un gran numero di elementi di fanteria”, ha detto Sviatoslav Palamar, vice comandante della il reggimento Azov in un videomessaggio su Telegram. L’esercito russo e le forze filo-russe hanno lanciato martedì un’offensiva contro la fabbrica Azovstal, l’ultima sacca della resistenza ucraina nella città di Mariupol, da cui nei giorni scorsi sono stati evacuati i civili grazie a un cessate il fuoco.

“Le unità dell’esercito russo e della Repubblica popolare di Donetsk, utilizzando artiglieria e aerei, stanno iniziando a distruggere” le “postazioni di tiro” dei combattenti ucraini ha affermato il ministero della Difesa di Mosca citato dalle agenzie russe. Il portavoce delle forze armate russe ha affermato che il reggimento ucraino Azov, che sta difendendo l’impianto, “ha utilizzato” il cessate il fuoco dichiarato per evacuare i civili, per uscire dai sotterranei dell’acciaieria e “prendere postazioni di fuoco sul territorio e negli edifici della fabbrica”. “Siamo stati bombardati tutta la notte (…), due donne sono state uccise e ora è in corso un assalto all’Azovstal”, ha precisato a sua volta Palamar, che ha invitato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky a “un’azione forte perché la situazione è molto difficile.

Leggi anche:
Nasce alla Camera la componente "Vinciamo Italia-Italia al centro con Toti"

La vicepremier ucraina, Iryna Vereshchuk, ha dichiarato che centinaia di civili, tra cui oltre una decina di bambini, sono intrappolati sotto le macerie dell’acciaieria Azovstal di Mariupol. Vereshchuk ha parlato da Zaporizhzhia dove sono arrivati un centinaio di civili evacuati e ha dichiarato che i soccorritori hanno chiesto più tempo per evacuare i cittadini intrappolati nei tunnel e nei sotterranei, ma la richiesta è stata rifiutata dalla parte russa. Domani verrà nuovamente chiesto di tenere questo corridoio umanitario aperto perché l’Ucraina non lascerà nessuno indietro, neanche i soldati feriti, ha concluso.

Mentre il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato: “Abbiamo ora il primo risultato della nostra operazione di evacuazione da Azovstal a Mariupol, che abbiamo organizzato da molto tempo. Ci sono voluti molti sforzi, lunghi negoziati e varie mediazioni. Oggi 156 persone sono arrivate a Zaporizhzhya. Erano donne e bambini. Sono stati nei rifugi per più di due mesi”. “Basta essere consapevoli! Per esempio, una bambina di sei mesi ha passato due mesi della sua vita sottoterra, nascondendosi dalle bombe e dai bombardamenti. Ora queste persone sono completamente al sicuro. Ricevono tutto l’aiuto di cui hanno bisogno”, ha concluso Zelensky.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti