Il “viaggio più lungo” di una tigre in cerca di cibo e amore

Il “viaggio più lungo” di una tigre in cerca di cibo e amore
3 dicembre 2019

Una tigre sta effettuando il viaggio più lungo mai registrato in India di un suo simile, percorrendo circa 1.300 chilometri in cinque mesi. Gli esperti ritengono che il maschio di due anni e mezzo sia probabilmente alla ricerca di prede, territori e compagne. La tigre, che è dotata di un collare radiofonico, ha lasciato la sua “casa”, in un santuario della fauna selvatica nello Stato occidentale del Maharashtra, a giugno. E’ stata successivamente rintracciata mentre vagava di fattoria in fattoria, lungo diverse autostrade e verso uno Stato vicino. Finora, la tigre è entrata in conflitto con gli esseri umani solo una volta, quando ha “ferito accidentalmente” una persona che faceva parte di un gruppo entrato in un boschetto sotto il quale stava riposando.

La tigre, chiamata C1, è uno dei tre cuccioli maschi nati da T1, una tigre femmina del santuario della fauna selvatica di Tipeshwar, che ospita 10 tigri nello Stato del Maharashtra. A febbraio le è stato applicato un collare radio e ha continuato a vagare per le foreste fino all’inizio delle piogge monsoniche per “trovare un’area adatta per stabilirsi”. L’animale ha lasciato il santuario alla fine di giugno e da allora ha viaggiato attraverso sette distretti nel Maharashtra e nello Stato vicino, Telangana. Nel fine settimana, si trovava in un altro santuario della fauna selvatica, sempre nello Stato di Maharashtra.

Esperti della fauna selvatica sostengono che il grande felino non abbia viaggiato in modo “lineare”. Viene monitorato attraverso le informazioni satellitari Gps ogni ora ed è stato registrato in oltre 5.000 località negli ultimi nove mesi. “La tigre è probabilmente alla ricerca di territorio, cibo e di una compagna. La maggior parte delle potenziali aree in cui vivono le tigri in India sono piene e le nuove tigri devono esplorare di più”, ha spiegato Bilal Habib, biologo del Wildlife Institute of India alla Bbc. La tigre si nasconde durante il giorno e viaggia di notte, uccidendo maiali selvatici e bestiame per cibarsi. Bilal Habib ha confermato l’unica ferita inferta ad un uomo che è entrato nella boscaglia dove stava riposando.

Si stima che l’India ospiti il 70% delle tigri del pianeta. Tuttavia, i responsabili della fauna selvatica sostengono che potrebbe essere necessario catturare e trasferire il felino nella foresta più vicina per “evitare incidenti”. Temono anche che perderanno la comunicazione con l’animale nel prossimo futuro poiché la batteria del collare radio è stata scaricata all’80%. Il numero di tigri è aumentato in India, ma il loro habitat si è ridotto e le prede non sono sempre abbondanti, affermano gli esperti. Ogni tigre richiede una popolazione di prede da riproduzione di 500 unità nel suo territorio per garantire una “banca del cibo”, secondo gli esperti.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti