Anna Tatangelo torna a Sanremo per parlare d’amore

Loading the player...
24 gennaio 2019

È una veterana del palco dell’Ariston, ma per Anna Tatangelo andare a Sanremo è sempre un’emozione, anche se questa è la sua ottava volta. “Anche se veterana, per me è come se fosse il primo Festival. In più c’è questo nuovo album e sono davvero felice di partecipare in questo momento della mia vita. Sono un’Anna diversa, cresciuta e maturata, 17 anni fanno la differenza rispetto al debutto, e poi torno a parlare d’amore. Presenterò una canzone che si chiama “Le nostre anime di notte” perchè dopo tanti anni torno a parlare d’amore e di una storia che apparentemente sembra scritta su di me, ma che soprattutto è una storia comune a tutti”.

“La fortuna sia con me” non è solo il titolo del suo album di inediti in uscita l’8 febbraio ma anche un augurio che la cantante fa a se stessa e che arriva al termine di un percorso di maturazione artistica e personale. “Nelle mie canzoni negli anni ho parlato delle donne, dell’omosessualità, dell’anoressia, della violenza sulle donne, oggi torno a parlare di me e in questo senso mi metto a nudo. Il filo conduttore del disco è l’amore raccontato in tutte le sue sfaccettature”.

Leggi anche:
Approvato dal Cdm il Dl Semplificazioni "salvo intese". Ecco cosa prevede

A Sanremo in gara anche Achille Lauro con cui ha collaborato in questo album in particolare nella nuova versione di “Ragazza di periferia” brano cult di Anna. “Non è assolutamente un rivale, ma un compagnone di banco e sono felice di vivere questo festival con lui perchè è una persona meravigliosa, mi fa veramente ridere, anche se sembra un po’ distaccato e invece è super simpatico, sempre con la battuta pronta. E’ bello perchè abbiamo vissuto questi mesi insieme nella promozione e non vedo l’ora di ritrovarlo dietro le quinte perchè sono sicura che la tensione con lui passa”.

Ad aprile parte il suo tour con sei eventi speciali, poi sarà in estate in giro per l’Italia. “Ci sarà tutto il disco con un genere nuovo con tante sonorità che hanno una ricerca di base molto più internazionale, rispetto a dischi del passato come è giusto e fisiologico che sia”. Anna chiede al pubblico che la seguirà a Sanremo di mettere un po’ da parte l’immagine di lei e di ascoltarla.
“Vorrei che percepissero un’Anna più matura, un’Anna più donna e non più una ragazzina”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti