Calenda-Renzi, c’è accordo. L’ex ministro guiderà la campagna elettorale

Calenda-Renzi, c’è accordo. L’ex ministro guiderà la campagna elettorale
Carlo Calenda e Matteo Renzi
11 agosto 2022

È stato siglato l’accordo tra il leader di Iv, Matteo Renzi, e quello di Azione, Carlo Calenda per le elezioni politiche del 25 settembre. “Nasce oggi per la prima volta un`alternativa seria e pragmatica al bipopulismo di destra e di sinistra che ha devastato questo Paese e sfiduciato Draghi – ha detto Carlo Calenda, leader di Azione -. Ringrazio Matteo Renzi per la generosità. Adesso insieme Italia Viva e Azione per l’Italia sul serio”. In ogni caso, l’ex ministro del governo Renzi è convinto che “questo accordo dura per un semplice fatto, perché non credo che Renzi si metta a fare accordi con Fratoianni o con Di Maio”. Tra i punti dell’intesa, la guida della campagna elettorale affidata a Calenda. 

“Perché consentire a un progetto di partire richiede anche che qualcuno sappia fare spazio e non pretendere ruoli. Per questo lascio volentieri che sia Carlo Calenda a guidare la campagna elettorale – ha detto Renzi -. Il 25 settembre troverete sulla scheda elettorale anche questa possibilità: non accontentatevi dei meno peggio, mandate in Parlamento persone di qualità. Per costruire una casa nuova ci vuole un pizzico di follia, e quella non manca. Ci vuole l`entusiasmo, che in queste settimane è stato addirittura straripante. E ci vuole anche tanta generosità”. Con Calenda “talvolta abbiamo discusso, lo sapete, ma i punti che ci uniscono sono molti di più di quelli che ci dividono. Chi ci crede deve fare di tutto per unire, non per dividere. E io ci credo. Per questo faccio il primo passo con il sorriso: perché so che sarete in tanti a camminare con noi”, ha continuato l’ex segretario Pd. “Io faccio politica da tanti anni e ho avuto l`onore di servire ai livelli apicali la mia città, il mio Paese, la mia comunità – ha concluso Renzi -. Ho imparato che bisogna sempre essere ambiziosi, puntare in alto, non sognare in piccolo. Ma ci sono dei momenti in cui le ambizioni personali lasciano il passo ai sogni collettivi. Servono gli assist per fare i gol”.

Leggi anche:
Putin proclama l'annessione delle regioni ucraine occupate. E la Nato condanna

Le reazioni

“Nuova settimana, nuovo cambio di alleanza per Calenda. Ora è il momento di abbracciare il rinascimento saudita di Renzi, per provare insieme a trovare un posto in Parlamento. Le emergenze di cittadini e imprese? Un dettaglio secondario”. E’ quanto scrive su Twitter il leader del Movimento Cinquestelle Giuseppe Conte.

“Calenda la Trottola continua a girare come un ossesso. Confermandosi la persona meno affidabile del panorama politico. Firma il patto con Letta, rompe il patto con Letta. Dà baci a Letta sapendo che entrerà in campo nella loro coalizione anche Fratoianni ma poi si rimangia il bacio emulando noti precedenti di baci seguiti da tradimenti. Adesso si allea con Renzi dopo aver proclamato precedentemente in maniera drastica e convinta: ‘non mi alleerò mai con Renzi’. Difatti questa settimana si allea con lui. Che farà Calenda la Trottola la prossima settimana? Come fa a proporsi come punto di riferimento un personaggio così imprevedibile e così trasformista? Ministro di Renzi poi nemico di Renzi, eletto nelle liste del PD, alleato con il Pd poi nemico del PD. Pronto a lanciare anatemi contro Renzi ma poi, non avendo le firme per presentarsi da solo, rapido nell’abbracciarlo pur di rimanere a galla. È l’esempio peggiore della politica del trasformismo e del galleggiamento. E si spaccia per novità? Cose del genere si vedono da decenni ed è meglio riporle rapidamente in archivio”.
Così il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri.

Leggi anche:
Sicilia, il neo governatore Schifani ad Arcore da Berlusconi

“L`improvvisato accordo siglato in extremis tra un ex segretario e un ex ministro del Pd sbandierato come la nascita del terzo polo in realtà è solo una costola della sinistra pronta a tornare alla casa madre al primo richiamo della foresta. Che una proposta politica di questo segno possa essere attrattiva per gli elettori di Forza Italia è dunque un`illusione ottica destinata a scontrarsi con la realtà”. Lo afferma Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti