Catena di “incidenti” misteriosi in Iran, il quinto a Teheran

Catena di “incidenti” misteriosi in Iran, il quinto a Teheran
7 luglio 2020

L’esplosione, la quinta in due settimane, avvenuta oggi, prima dell’alba in una fabbrica a sud della capitale iraniana Teheran, causando due morti, è stata catalogata dai media ufficiali come un “incidente” attribuibile ad “un errore umano”. L’esplosione è almeno la quinta, dal 25 giugno, registrata in Iran in impianti industriali almeno due dei quali nucleari. La precedente, il 2 luglio, si è verificata presso il grande complesso nucleare di Natanz (al centro del Paese) e le autorità che inizialmente hanno parlato di un “incidente” hanno poi affermato che non avrebbero rivelato le cause per il momento per “Ragioni di sicurezza”, come ha riportato l’agenzia di stampa ufficiale Irna.

La nuova esplosione è avvenuta “nella fabbrica di Oxijen alle 03:03 (1:33 italiane)” nella città di Baqerchahr (60.000 abitanti), a circa 20 chilometri a sud di Teheran, e ha provocato un incendio, ha riferito un portavoce del Servizio Nzionale di Sicurezza. “Ci sono due morti e tre feriti, due dei quali sono stati ricoverati in ospedale”, hanno detto i servizi di emergenza. La fabbrica di Oxijen si trova in una zona industriale, ha dichiarato il prefetto della città, Amin Babaï, citato da Irna, senza specificare le attività dell’installazione. Secondo lui, l’incidente è avvenuto “a causa della negligenza dei lavoratori durante il riempimento delle bombole di ossigeno”. “I pompieri erano sul posto immediatamente dopo l’incidente e hanno impedito al fuoco di propagarsi”. “L’esplosione è stata così potente che sono state distrutte anche le mura della vicina fabbrica di Saipapress (ricambi auto)”, ha detto Babai, suggerendo che erano stati arrecati danni significativi all’edificio. Fabbrica di Oxijen.

Il 30 giugno, una potente esplosione ha ucciso 19 persone in una clinica di Teheran, dove si è diffuso l’incendio. Il generale Hossein Rahimi, capo della polizia di Teheran, ha negato che l’incidente potesse essere stato causato da un atto di “sabotaggio”. Il 25 giugno, un serbatoio di benzina è esploso anche nel settore Parchin, vicino a un sito militare a Teheran, senza causare vittime. I pompieri hanno messo sotto controllo l’incendio lì e è stata aperta un’indagine per determinare la causa. Martedì pomeriggio, l’Organizzazione iraniana per l’energia atomica (OIEA) ha rilasciato una dichiarazione in risposta a “false accuse di elementi controrivoluzionari nei media riguardo a un’esplosione nel centro nucleare di Chahid-Rézaïnejad ad Ardakan” , una città a circa 450 chilomteri a sud-est di Teheran.

Leggi anche:
Incidente aereo Calicut, almeno 16 morti e 89 feriti

“Non è successo nulla” in questo impianto di produzione di concentrato di uranio (“yellowcake”), ha aggiunto il comunicato stampa senza che all’inizio fosse possibile determinare a quali informazioni della stampa si riferiva. Per l’OIEA, questa informazione non ha altro scopo se non quello di “fare rumore”, infondere “disperazione” nel paese e sostenere la campagna di “massima pressione del Grande Satana” (gli Stati Uniti ) contro l’Iran. Tuttavia, queste “misteriose” esplosioni a catena sono stati attribuiti da media principalmente sauditi ai servizi segreti israeliani del Mossad. Ma dallo Stato ebraico non è arrivata nessuna conferma ufficiale anche se diversi media israeliani non hanno escluso questa versione.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti