Confine con Francia “pericoloso”, Germania introduce controlli

17 marzo 2020

La Germania da lunedì ha introdotto severi controlli alle frontiere con cinque paesi – Francia, Austria, Svizzera, Lussemburgo e Danimarca – per arginare la rapida e pericolosa diffusione del coronavirus. Ai cittadini tedeschi e alle persone residenti in Germania sarà permesso rientrare, come ha precisato il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer: “Ai viaggiatori senza una valida ragione per mettersi in viaggio non verrà permesso di entrare o lasciare il paese e chiedo pertanto a tutti i cittadini di evitare viaggi non strettamente necessari in queste aree”, ha detto Seehofer, ricordando che chi verrà trovato positivo non potrà entrare nel paese e che verranno adottate le necessarie misure d’intesa con le autorità sanitarie.

Controlli severi ai confini decisi dopo che il Robert Koch Institut, responsabile della sanità pubblica in Germania, ha dichiarato l’area al confine con l’Alsazia e la Lorena “a rischio”. Una decisione – ha sottolineato Parigi – presa in accordo con il governo francese, non è una chiusura dei confini e garantisce gli spostamenti delle merci. La Germania ha finora registrato 4.838 casi di contagio e 12 morti. Il picco del virus non è ancora stato raggiunto, ha sottolineato il ministro, invitando i cittadini a evitare le relazioni sociali. Nel Sud del Paese, la Baviera – che da sola conta 886 casi – ha dichiarato lo stato di calamità con entrata in vigore immediata.

Leggi anche:
Coronavirus, Fauci: vaccino entro fine anno
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti