Conte lancia allarme, l’Inter pensa già al mercato

Conte lancia allarme, l’Inter pensa già al mercato
Antonio Conte
27 ottobre 2019

Individuare gli adeguati rinforzi e investire sul mercato di riparazione per ampliare una rosa decimata dagli infortuni. E’ quanto chiesto alla societa’ nerazzurro da Antonio Conte, in modo diretto, al termine della sfida pareggiata contro il Parma che non ha permesso all’Inter il sorpasso sulla Juventus e la riconquista della vetta della classifica. Un pareggio che mantiene invariata la corsa al vertice ma che, secondo l’allenatore, e’ anche un campanello d’allarme. Martedi’ l’Inter tornera’ in campo contro il Brescia e probabilmente l’allenatore nerazzurro mettera’ in campo lo stesso undici di sabato, a parte qualche cambio. Asamoah, se ha risolto il problema al ginocchio, potrebbe riprendere il suo posto sulla fascia sinistra e De Vrij dovrebbe essere schierato titolare nonostante il fastidio all’adduttore.

Ma e’ chiaro che le alternative a dispozione di Conte non permettono il turnover visto anche l’infortunio di Sensi che ha complicato notevolmente i piani del tecnico, out anche D’Ambrosio e Sanchez. Ma la vera emergenza e’ a centrocampo, perche’ non esiste un’alternativa a Brozovic e contro il Parma il croato era visibilmente scarico sia mentalmente che fisicamente. L’Inter avrebbe gia’ iniziato a trattare Rakitic col Barcellona e la stampa catalana parla addirittura di un incontro con alcuni emissari nerazzurri. Il croato e’ un giocatore d’esperienza, capace di prendere in mano la squadra e guidarla nei momenti di pazzia e blackout che ancora non sembrano risolti. Ma il centrocampista, a 30 anni, viene valutato 35 milioni di euro e i due club al momento sono ancora distanti. Serviranno settimane di contatti e confronti per trovare l’intesa gia’ a gennaio e nell’operazione potrebbero essere comprese anche contro partite tecniche.

Piace anche Vidal, pupillo di Conte fin dai tempi della Juve, ma il cileno dopo un avvio sottotono si e’ ripreso e il Barcellona non sarebbe intenzionato a metterlo sul mercato. A giugno, quando non si dovranno commettere gli stessi errori di questo mercato come ha ammonito Conte, l’Inter dovra’ difendersi dall’assalto proprio del Barcellona che punta Lautaro Martinez e Skriniar. A centrocampo piace anche Nemanja Matic dello United. Servirebbe un rinforzo pure in attacco visto che Sanchez dovrebbe tornare a inizio 2020 ma resta l’incognita delle condizioni del cileno dopo l’operazione chirurgica. Esposito ”non puo’ essere la panacea a tutti i mali”, ha detto Conte e l’Inter per accontentare il tecnico starebbe pensando a Thomas Muller anche se il ds del Bayern Monaco Hasan Salihamidzic ha dichiarato che non e’ arrivata nessuna offerta per il giocatore.

Leggi anche:
Ecclestone critica Vettel e loda Leclerc: "Mi ricorda Schumi"

Da studiare anche un acquisto in difesa visto che Godin fatica con il modulo a tre e l’Inter ha incassato 7 gol nelle ultime tre partite di campionato. Si pensa a Jan Vertonghen del Tottenham ma a giugno con la possibilita’ di assicurarselo a parametro zero. Valutazioni, trattative e ipotesi che prenderanno corpo solo a gennaio. Intanto l’Inter dovra’ stringere i denti, cercare di sfruttare ogni residua energia per restare ad un passo dalla Juve per altri due mesi. La panchina corta e’ un problema e Conte ha auspicato miglioramenti anche nella gestione da parte della societa’ e domani al termine dell’assemblea dei soci del club che dovrebbe ratificare un rosso a bilancio di circa 40 milioni di euro, potrebbe arrivare la risposta dell’ad Beppe Marotta.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti