Coronavirus, lieve flessione dei contagi ma con meno 20 mila tamponi. Solo in Valle D’Aosta zero casi

Coronavirus, lieve flessione dei contagi ma con meno 20 mila tamponi. Solo in Valle D’Aosta zero casi
27 settembre 2020

Lieve flessione dei contagi per coronavirus in Italia. Dall’odierno bollettino del ministero della Salute emerge che si sono registrati 1.766 nuovi casi nelle ultime 24 ore (ieri erano stati 1.869), ma con quasi 20 mila tamponi in meno rispetto a sabato (84.714 i test eseguiti oggi). Le vittime sono 17 come il giorno precedente, per un totale di 35.835. Il numero complessivo dei contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 309.870. La Regione con più contagi è la Campania (245), poi la Lombardia (216), quindi il Lazio (181), e la Sardegna che ne fa registrare 139 in più. Solo in Valle D’Aosta zero contagi. Sono 49.618 gli attualmente positivi, 1.025 in più rispetto a ieri. I dimessi e guariti sono 224.417, in aumento di 724 unità. I pazienti in terapia intensiva sono 7 in più per un totale di 254. I ricoverati con sintomi salgono a 2.846 (+100), le persone in isolamento domiciliare sono ora 46.518 (+918).

LO SCENARIO PER REGIONE

LOMBARDIA

Sono 216 i nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore in Lombardia, a fronte di 16.567 tamponi per una percentuale pari all’1,3. Cinque le vittime mentre diminuiscono i ricoveri. Nel dettaglio i tamponi effettuati arrivano a un totale complessivo di 2.068.416. Dei 216 nuovi casi, 38 sono ‘debolmente positivi’ e 2 trovati a seguito di test sierologico. I guariti/dimessi sono complessivamente 80.021 (+61), di cui 1.515 dimessi e 78.506 guariti. In terapia intensiva restano 31 persone (+1). I ricoverati non in terapia intensiva sono 302 (-10). I decessi, con i 5 di oggi, arrivano a quota 16.946. I nuovi casi per provincia: Milano: 99, di cui 56 a Milano città; Bergamo: 6; Brescia: 20; Como: 6; Cremona: 5; Lecco: 4; Lodi: 3; Mantova: 1; Monza e Brianza: 24; Pavia: 13; Sondrio: 1; Varese: 17.

PIEMONTE

Sono in totale 35.038 i positivi al coronavirus in Piemonte, +132 rispetto a ieri. I casi importati sono 8 su 132. I contagi sono così suddivisi su base provinciale: 4354 Alessandria, 1968 Asti, 1124 Biella, 3416 Cuneo, 3280 Novara, 17.509 Torino, 1663 Vercelli, 1212 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 296 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 216 casi sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 10 (+0 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 166(+2 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 2457. I tamponi diagnostici finora processati sono 704.623 di cui 391.695 risultati negativi. Oggi l`Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, sono 27.876(+83 rispetto a ieri), così suddivisi su base provinciale: 3441 (+6) Alessandria, 1633 (+3) Asti, 876 (+2) Biella, 2708 (+5) Cuneo, 2544 (+19) Novara, 14.166 (+38) Torino, 1299 (+19) Vercelli, 1019 (+1) Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 190 (+0) provenienti da altre regioni. Altri 368 sono “in via di guarigione”, ossia negativi al primo tampone di verifica, dopo la malattia e in attesa dell`esito del secondo. Un decesso di persona positiva al test del Covid-19 è stato comunicato nel pomeriggio dall`Unità di Crisi della Regione, nessuno verificatosi oggi (si ricorda che il dato di aggiornamento cumulativo comunicato giornalmente comprende anche decessi avvenuti nei giorni precedenti e solo successivamente accertati come decessi Covid).Il totale sale quindi 4.161 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi per provincia: 681 Alessandria, 256 Asti, 209 Biella, 401Cuneo, 377 Novara, 1839 Torino, 225 Vercelli, 133 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 40 residenti fuori regione, ma deceduti in Piemonte.

TRENTINO

Sono 42 i nuovi casi registrati oggi dalla Provincia Autonoma di Trento. Dei 42 positivi su 1.514 tamponi esaminati, una trentina appartiene al settore agricolo. Non vengono segnalati nuovi casi nel settore scolastico. Complessivamente in Trentino i casi di Covid-19 riscontrati tramite tampone sono 6.544. Negli ospedali trentini i pazienti covid ricoverati scendono in un giorno da 14 a 12 e nessuno è in terapia intensiva. Restano fermi a 470 i decessi.

ALTO ADIGE

Sono 21 i nuovi casi di coronavirus in Alto Adige. Su 2.242 tamponi esaminati nella giornata di ieri, ventuno hanno dato esito positivo. Delle 90.172 persone complessivamente testate, 3.489 sono risultate infette. I contagi, quindi, non calano nemmeno nella provincia più settentrionale d’Italia dove, a livello scolastico, una scuola è già stata chiusa, la ‘Gandhi’ di Merano, e altre tre classi sono state poste in quarantena fino al 6 ottobre. Sono diventati 26 i pazienti covid ricoverati nei normali reparti ospedalieri (nessuno è in terapia intensiva). Le persone positive al covid che in isolamento nella struttura attrezzata di Colle Isarco sono 44. Da quasi quattro mesi non si registrano persone decedute con tampone positivo: il numero dei morti per coronavirus resta 292. Le persone guarite sono 2.650, quindici in più rispetto a ieri.

FRIULI VENEZIA GIULIA

Le persone attualmente positive al Coronavirus in Friuli Venezia Giulia sono 725. Sei pazienti sono in cura in terapia intensiva, mentre 18 sono ricoverati in altri reparti. E’ stato registrato un nuovo decesso, una persona del 1924, residente a Trieste, con altre significative patologie. Il totale dei decessi in Friuli Venezia Giulia è 351. Lo ha comunicato il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. Oggi sono stati rilevati 28 nuovi contagi; quindi, analizzando i dati complessivi dall’inizio dell’epidemia, le persone risultate positive al virus sono 4.608: 1.597 a Trieste, 1.536 a Udine, 1.033 a Pordenone e 424 a Gorizia, alle quali si aggiungono 18 persone da fuori regione. I totalmente guariti ammontano a 3.532, i clinicamente guariti sono 5 e le persone in isolamento 696. I deceduti sono 198 a Trieste, 77 a Udine, 69 a Pordenone e 7 a Gorizia.

Leggi anche:
Coronavirus, Macron annuncia un nuovo lockdown per la Francia. E va in tilt il sito delle ferrovie

VENETO

Continua l’aumento a tre cifre dei nuovi casi in Veneto, che nelle ultime 24 ore registra 159 contagiati in più, portando il totale a 26.973. Gli attuali soggetti positivi sono 3.490 e si registrano 3 nuovi decessi, con il totale a 2.176. Aumenta leggermente (+4) il numero dei ricoverati in ospedale, in totale 204 di cui 148 positivi; stabili le terapie intensive, con 26 ricoverati di cui 21 positivi. Scende infine il numero delle persone in isolamento, 8.951 (-363) di cui 2.274 (-40) positive. Sono complessivamente 41 i casi di positività registrati nel focolaio localizzato nei comuni della Val Comelico, in provincia di Belluno, per la quale l’azienda Ulss 1 Dolomiti ha attivato una campagna di tamponi. La maggior parte di casi (22) è a San Pietro di Cadore, seguiti dai 19 di Santo Stefano. Altri casi si registrano nei vicini comuni di Comelico Superiore (10), San Vito di Cadore (5) Pieve di Cadore (5). In questi cinque comuni sono state messe in quarantena 143 persone.

EMILIA ROMAGNA

Dall`inizio dell`epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna sono stati registrati 35.028 casi di positività, 96 in più rispetto a ieri, di cui 54 asintomatici individuati nell`ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Prosegue l`attività di controllo e prevenzione: sul totale dei nuovi casi, 48 erano già in isolamento al momento dell`esecuzione del tampone, 52 sono stati individuati nell`ambito di focolai già noti. Sono 10 i nuovi contagi collegati a rientri dall`estero, per i quali la Regione ha previsto due tamponi naso-faringei durante l`isolamento fiduciario se in arrivo da Paesi extra Schengen e un tampone se di rientro da Grecia, Spagna, Croazia, Malta e regioni della Francia. Il numero di casi di rientro da altre regioni è 3. L`età media dei nuovi positivi di oggi è 38 anni. Sui 54 asintomatici, 31 sono stati individuati grazie all`attività di contact tracing, 19 attraverso i test per categorie a rischio introdotti dalla Regione, 3 con gli screening pre-ricovero, uno è stato individuato tramite test sierologico.Purtroppo, si registra un nuovo decesso: un uomo di 93 anni a Parma. Per quanto riguarda la situazione nel territorio, il maggior numero di casi si registra nelle province di Reggio Emilia (17), Piacenza (14), Bologna (13), Parma (11) e a Forlì (12).

LIGURIA

Sono 45 i nuovi casi in Liguria (a fronte di 1.908 tamponi eseguiti), 18 dei quali nell’Asl genovese (9 contatti di caso confermato e 9 accertati tramite screening) e 16 nell’Asl spezzina (11 contatti di caso confermato e 5 individuati con screening). Aumentano di 4 unità gli ospedalizzati che oggi sono 159 di cui 22 in Intensiva. Non ci sono stati nuovi decessi. Calano lievemente anche i pazienti in isolamento domiciliare (-3) mentre i soggetti in sorveglianza attiva sono 2.108, per la maggior parte nelle asl genovese e spezzina. È stata chiusa in via prudenziale la succursale del liceo Mazzini a Sestri Ponente dopo che alcuni alunni sono risultati positivi al Covid 19. Oltre ai tamponi già processati ci sarebbero altri test effettuati su studenti in fase di analisi. Asl3 ha iniziato la tracciatura dei contatti diretti dei casi già accertati

TOSCANA

Su 7.541 tamponi analizzati nelle ultime ventiquattro ore (723.653 dall`inizio dell`epidemia per 486.576 soggetti) sono 101 i nuovi positivi al Covid-19 oggi in Toscana. Il bollettino quotidiano della Regione, chiuso a mezzogiorno sulla base delle richieste della Protezione civile nazionale, fotografa l`andamento dell`epidemia, che segna un aumento dei contagiati dello 0,7 per cento. Quarantacinque dei nuovi casi sono stati identificati in corso di tracciamento sulla base di un sospetto diagnostico, cinquantasei da attività di screening. Da febbraio sale dunque a 14.566 il numero dei contagiati nella regione, ma a soffrire ancora la malattia sono solo 3.407 (+2,04 per cento rispetto a ieri). In 10.002 sono infatti guariti (il 68,7 per cento dei casi totali, 21 in più nell`ultimo giorno pari allo 0,2 per cento). Tra chi rimane positivo, 105 sono i ricoverati in ospedale (tre in meno rispetto a ieri), di cui 23 in terapia intensiva (uno in meno), mentre in 3.302 sono in quarantena a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano privi addirittura di sintomi (83 in più rispetto a ieri, più 2,6%). Oggi non si registrano nuovi decessi, che da febbraio sono stati complessivamente 1.157.

UMBRIA

Ventuno nuovi positivi al Covid e 20 guariti nelle ultime 24 ore, secondo i dati ufficiali della Regione aggiornati a domenica 27 settembre. Gli attualmente positivi salgono quindi a 506. I guariti sono in tutto 1.783 e 2.374 i casi positivi in totale, dall’inizio della pandemia. I ricoverati scendono di una unità: sono 36, tre dei quali (questo dato è stabile) si trovano in terapia intensiva. Nell’ultimo giorno sono stati eseguiti 2.065 tamponi, 200.150 dall’inizio della pandemia. Tre infermieri e due pazienti dialitici dell’ospedale di Perugia sono risultati positivi al Covid. Lo ha reso noto il commissario straordinario dell’azienda ospedaliera Santa Maria della Misericordia, Marcello Giannico. Sia gli operatori sanitari che i pazienti sono asintomatici e non presentano sintomi di alcun genere neppure relativi ad altre patologie. Attualmente sono in isolamento domiciliare nelle proprie abitazioni.

Leggi anche:
Nella Milano del coprifuoco irrompono i giovanissimi "casseur"

MARCHE

Sono 24 i positivi al coronavirus rilevati nelle Marche nelle ultime 24ore su 921 nuove diagnosi: questi casi comprendono 6 contatti stretti di casi positivi, 4 casi in ambito domestico, 7 soggetti sintomatici, 3 casi rilevati dallo screening in ambito scolastico, 1 caso riscontrato dallo screening realizzato in ambito lavorativo e 3 casi in fase di verifica. Lo rende noto il Gores. Nelle ultime 24 ore sono stati testati 1.599 tamponi: 921 nel percorso nuove diagnosi e 678 nel percorso guariti.

LAZIO

Su quasi 9 mila tamponi oggi nel Lazio si registrano 181 casi di questi 79 sono a Roma e un decesso. I dati di questi giorni ci dicono che dobbiamo mantenere alta l`attenzione. I test rapidi antigenici sono utili come strumento diagnostico di primo livello da utilizzare massivamente”. Lo ha detto commenta l`Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D`Amato.”Prosegue – ha spiegato – l`attività di prevenzione nelle scuole, domani test in un istituto di Cerveteri e presso il liceo `Manara` a Roma. Pronta la circolare per l`evoluzione della rete ospedaliera regionale”. “Nella Asl Roma 1 sono 31 i casi nelle ultime 24h e di questi sono dodici i casi con link familiare o contatto di un caso già noto e isolato. Nella Asl Roma 2 sono 36 casi nelle ultime 24h e tra questi tre hanno link con la comunità del Perù. Sei sono i contatti di casi già noti e isolati e due individuati su segnalazione del medico di medicina generale. Nella Asl Roma 3 sono 12 i casi nelle ultime 24h e si tratta di un caso di rientro da UK e nove sono i contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl Roma 4 sono 7 i casi nelle ultime 24h e si tratta di sei contatti di casi già noti e isolati e un caso individuato in fase di pre-ospedalizzazione. Nella Asl Roma 5 sono 30 i casi nelle ultime 24h e si tratta di due casi di rientro dall`Abruzzo e uno dalla Puglia. Quattordici sono i contatti di casi già noti e isolati e quattro i casi individuati in fase di pre-ospedalizzazione. Nella Asl Roma 6 sono 13 i casi nelle ultime 24h e si tratta di dieci contatti di casi già noti e isolati. Nelle province si registrano 52 casi e un decesso nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono ventitre i casi e si tratta di casi di rientro uno dalla Lombardia, uno dall`Emilia Romagna, uno dal Veneto e due hanno link alla comunità del Perù. Dieci sono i contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl di Frosinone si registrano sedici casi e si tratta di dodici contatti di casi già noti e isolati un caso individuato al test sierologico e tre casi su segnalazione del medico di medicina generale. Nella Asl di Rieti si registrano sette casi e si tratta di contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl di Viterbo si registrano sei casi e si tratta di tre contatti di casi già noti e isolati e un caso individuato in fase di pre-ospedalizzazione. Si registra un decesso di un uomo di 91 anni” ha concluso l’assessore D’amato.

ABRUZZO

Oggi in Abruzzo sono stati registrati 47 nuovi positivi (7 in provincia di L’Aquila, 11 a Chieti, 20 a Pescara, 4 a Teramo, altri 5 in fase di verifica), 55 i ricoverati (di cui 5 in terapia intensiva), 807 in isolamento domiciliare, 3040 dimessi/guariti, 862 attualmente positivi, 196437 test complessivi. I positivi di oggi hanno età compresa tra 1 e 89 anni. Infine da registrare un decesso, si tratta di una 90enne di Montesilvano (Pescara). A pochi giorni dalla riapertura delle scuole, avvenuta in Abruzzo giovedì scorso 24 settembre, a Vasto (Chieti) si registra un caso positivo al coronavirus nel Liceo di Scienze Umane. Lo fa sapere il sindaco, Francesco Menna, su Facebook, precisando che “sono stati attivati tutti i protocolli e sottoposta a quarantena l’intera classe” della ragazza risultata positiva al tampone, che “ha frequentato la scuola solo giovedì scorso. Il giorno dopo, a causa della febbre, è rimasta a casa”. La Asl Lanciano Vasto Chieti, informa ancora il sindaco, “sta ricostruendo tutti i contatti della giovane da casa a scuola” e sottoporrà a tampone tutti gli altri 16 studenti della sua classe per la quale, “nel periodo di osservazione, sarà attivata la didattica a distanza”.

BASILICATA

Dal primo agosto a oggi, cioè da quando si sono verificati i primi casi positivi da rientro, sono risultati 227 casi positivi in basilicata di cui risultano ricoverati 13 casi in malattie infettive e uno in terapia intensiva, “cioè il 6,5 per cento circa di tutti i positivi al di sotto della media nazionale (circa il 10 per cento)”. È quanto precisa in una nota stampa il dipartimento salute della regione Basilicata. Secondo i dati forniti, il numero dei tamponi è stato incrementato di oltre il 50 per cento, “con il più alto numero in italia di tamponi eseguiti per singolo positivo che in basilicata è pari a 128,21 tamponi per 1 positivo a fronte di una media nazionale di 68,55 per 1 caso positivo”. Per il dipartimento “tutto ciò testimonia un’attenta analisi e verifica delle catene epidemiologiche effettuate nei singoli focolai dai nostri medici di igiene e sanità pubblica con la stretta collaborazione dei medici di medicina generale”. “A seguito della positività della paziente ospite in una casa di riposo per anziani, sono stati effettuati i tamponi a tutto il personale e agli ospiti della struttura. Risultano positive 28 persone tra operatori ed ospiti”. Lo fa sapere in un post su Facebook il sindaco di Marsicovetere (Potenza), Marco Zipparri. Dei ventotto positivi, venti sono ospiti della struttura, otto operatori.

Leggi anche:
Cardinale Bassetti positivo al Covid-19. "In questo momento vice con fede e speranza"

PUGLIA

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi domenica 27 settembre 2020 in Puglia, sono stati registrati 2.683 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 76 casi positivi: 30 in provincia di Bari, 12 in provincia BAT, 1 in provincia di Brindisi, 17 in provincia di Foggia, 3 in provincia di Lecce, 12 in provincia di Taranto, 1 residente fuori regione. Non sono stati registrati decessi. Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 399.109 test. 4.527 sono i pazienti guariti, 2.404 sono i casi attualmente positivi. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 7.521, così suddivisi: 2.926 nella Provincia di Bari; 636 nella Provincia di Bat; 769 nella Provincia di Brindisi; 1.808 nella Provincia di Foggia; 790 nella Provincia di Lecce; 532 nella Provincia di Taranto; 59 attribuiti a residenti fuori regione; 1 provincia di residenza non nota. I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

CAMPANIA

Secondo il bollettino ordinario dell’unità di crisi della Regione Campania, oggi domenica 27 settembre sono 245 i positivi e sono stati fatti 5.539 tamponi. Il totale dei positivi da inizio pandemia è di 11.874, mentre il totale dei tamponi si attesta a quota 578.480. Zero decessi, e 136 guariti su un totale di 5.824 persone guarite. In totale i deceduti sono 460.

CALABRIA

Tornano a crescere i casi in Calabria, 31, più del doppio di ieri, con 1.870 tamponi processati, che porta il totale dei positivi da inizio pandemia a 1.952 a fronte di 195.309 esami effettuati. I casi attivi sono 544 (+31), mentre restano stabili a 1.308 i guariti e a 100 le vittime. I ricoverati in terapia intensiva restano 2 mentre quelli nei reparti di malattie infettive sono 35 (+5). Le persone in isolamento domiciliare sono 507. Cosenza oggi registra 27 casi, 24 dei quali sono migranti, per due è in corso l’indagine sierologica è uno è contatto da caso noto. Reggio Calabria comunica due casi, Vibo un intercettato da sierologico e Catanzaro un contagio da contact tracing. Lo riferisce il bollettino della Regione. A Fuscaldo scuole chiuse fino a sabato 3 ottobre. La decisione è stata presa dal sindaco Gianfranco Ramundo dopo che nella cittadina tirrenica si sono registrati alcuni casi di coronavirus e in queste ore si è in attesa dei risultati di numerosi tamponi effettuati dalla task force dell’Asp di Cosenza che ha avviato la mappatura dei contatti.

SICILIA

Sono 107 i nuovi casi in Sicilia, che fa salite il numero dei contagiati attuali a 2.656: 268 ricoverati con tintomi, 14 in terapia intensiva (+1) e 2.377 in isolamento domiciliare. Crescono i deceduti: 308, due in più rispetto a ieri. Sono 6.683 i casi totali, 3.726 i dimessi guariti, con un incremento dei tamponi effettuati pari a 4.202. La Regione Sicilia ha comunicato che dei 107 nuovi casi positivi di oggi, 7 sono migranti dell’hotspot di Lampedusa. Dei 107 nuovi casi, oltre la metà, ben 66, sono riferibili alla provincia di Palermo; 14 a quella di Catania, 10 a Enna, 6 a Messina e a Caltanissetta, 3 a Ragusa, uno a Agrigento e Trapani. Zero nuovi contagi nella provincia di Siracusa. A Palermo secondo caso di alunno positivo all’Educandato Maria Adelaide di corso Calatafimi e per tutti i ragazzi delle scuole medie scatta la didattica integrata a distanza.

SARDEGNA

Sono 3.730 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza. Nell`ultimo aggiornamento dell`Unità di crisi regionale si registrano 139 nuovi casi, 104 rilevati attraverso attività di screening e 35 da sospetto diagnostico. Si registra il decesso di una donna di 93 anni, ricoverata a Cagliari. Le vittime sono in tutto 149. In totale sono stati eseguiti 184.449 tamponi, con un incremento di 2.485 test rispetto all’ultimo aggiornamento. Sono invece 110 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+1 rispetto al dato di ieri), mentre resta invariato il numero dei pazienti (18) in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 1.836. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 1.610 (+10) pazienti guariti, più altri 7 guariti clinicamente. Sul territorio, dei 3.730 casi positivi complessivamente accertati, 581 (+10) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 384 (+30) nel Sud Sardegna, 301 (+29) a Oristano, 454 (+33) a Nuoro, 2.010 (+37) a Sassari.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti