Coronavirus, l’Oms gela le speranze: su vaccino nessuna garanzia

Coronavirus, l’Oms gela le speranze: su vaccino nessuna garanzia
27 giugno 2020

Non c`è alcuna garanzia che gli scienziati saranno in grado di sviluppare un vaccino efficace contro il Covid-19. Lo ha affermato il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della Sanità Tedros Ghebreyesus, davanti alla commissione per la salute del Parlamento europeo. In pratica, secondo il numero uno dell’Oms, anche se fosse sviluppato un vaccino, probabilmente non sarebbe disponibile per almeno un anno.

“Sarebbe molto difficile sostenere con certezza che avremo un vaccino”, ha detto Tedros ai responsabili dell`Ue, in collegamento video. “Non abbiamo mai avuto un vaccino per un coronavirus. Quindi questo una volta scoperto, sperando che sia scoperto, sarà il primo”, ha aggiunto. I vaccini aiutano il sistema immunitario a riconoscere e combattere i patogeni come i virus. Sono considerati uno dei modi più efficaci per prevenire la diffusione di malattie come il Covid-19, perché aiutano le comunità a costruire l’immunità.

Intanto, mentre il numero dei contagi di coronavirus nel mondo sta crescendo a un ritmo di circa un milione per settimana, l’Organizzazione mondiale della Sanità ha avvertito che gli ospedali stanno affrontando una grave carenza di concentratori di ossigeno, necessari per la respirazione dei pazienti più gravi. E’ stato lo stesso Tedros Ghebreyesus ha sottolineare che “molti paesi stanno riscontrando difficoltà nell’ottenere concentratori di ossigeno”. “La domanda sta attualmente superando l’offerta”, ha aggiunto.

Leggi anche:
Torna l'ora solare: lancette indietro di un'ora. Forse è l'ultima

L’Oms ha acquistato 14.000 concentratori di ossigeno dai produttori e prevede di inviarli in 120 Paesi nelle prossime settimane. Altri 170mila concentratori, per un valore di circa 100 milioni di dollari, saranno potenzialmente disponibili nei prossimi sei mesi. I casi di contagio del coronavirus nel mondo hanno superato la soglia di 9,5 milioni e l’Oms prevede che le infezioni globali supereranno i 10 milioni entro la fine di questa settimana. Dall’inizio della pandemia, più di 480mila persone hanno perso la vita.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti