Coronavirus, 1,5 milioni di dosi Pfizer alle Regioni

Coronavirus, 1,5 milioni di dosi Pfizer alle Regioni
6 aprile 2021

Sono 7.767 i nuovi casi di Sars Cov 2 registrati nelle ultime 24 ore in Italia e 421 i decessi (ieri 297). E’ quanto emerge dall’odierno bollettino del ministero della Salute-Iss. I tamponi effettuati sono stati 156.691 con un indice di positività dell’8,2% (ieri era stato del 7,2%). Rispetto a ieri le terapie intensive occupate in Italia da pazienti con coronavirus passano da 3.679 A 3.721: +42. Ieri le terapie intensive erano aumentate di 44 unità. La regione con più casi giornalieri è l’Emilia Romagna (+2.011), seguita da Lombardia (+1.793), Piemonte (+1.504), Lazio (+1.403), Campania (+1.169) e Toscana (+1.021). I contagi totali da febbraio 2020 salgono a 3.544.957. I guariti sono 19.725 (ieri 17.950), per un totale di 2.870.614. Torna a calare, quindi, il numero delle persone attualmente positive: sono 7.242 in meno (ieri +1.357), 565.993 in tutto. Di questi, sono in isolamento domiciliare 533.109 pazienti.

1,5 milioni di dosi Pfizer entro domani alle Regioni

E’ di 1,5 milioni di dosi Pfizer la prima consegna di vaccini anti Covid-19 del mese di aprile; entro domani le dosi saranno distribuite alle Regioni. Si tratta del lotto di vaccini in assoluto più consistente consegnato dall’inizio della campagna vaccinale e di cui beneficeranno in modo particolare i soggetti più vulnerabili. Nell’ultima settimana – ha fatto sapere l’ufficio del Commissario Straordinario Figliuolo – è cresciuto del 20% il numero di over 80 cui a cui è stata somministrata una dose di vaccino. Il numero complessivo di vaccinazioni a livello nazionale ha superato oggi quota 11.250.000, a fronte di oltre 14 milioni di dosi finora consegnate. Si attende intanto per domani in serata o al massimo per giovedì una nuova comunicazione dell’Ema su AstraZeneca; il comitato per la valutazione dei rischi per la farmacovigilanza non è ancora giunto a una conclusione e la revisione è ancora in corso.

Leggi anche:
Ponte Morandi, Aspi valutò ipotesi demolizione nel 2003

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti