Gambe gonfie con il caldo. Cosa fare

29 aprile 2014

Attenzione al caldo della stagione estiva, ma anche ai notevoli sbalzi di temperatura di questa anomala primavera, che mettono a rischio la salute e la bellezza delle gambe. A lanciare l’allarme e’ Gaetano Lanza, primario dell’Unita’ Operativa di chirurgia vascolare dell’ospedale MultiMedica di Castellanza (Va). “Pesantezza, gonfiori, fragilita’ dei capillari e le altre problematiche delle gambe si accentuano nel periodo primaverile ed estivo, che e’ quello piu’ critico, proprio perche’ la sintomatologia si aggrava per l’effetto del calore: con il caldo le vene si dilatano e le gambe soffrono di piu'”. I rischi maggiori riguardano “soprattutto a quelle donne, anche giovani, che soffrono di insufficienza venosa o hanno familiarita’ con questa patologia. In particolare, i soggetti piu’ a rischio sono quelli affetti da obesita’, sovrappeso, o quelli inclini a prediligere una vita sedentaria”, precisa il primario. “Attenzione – ammonisce Lanza – a non sottovalutare nessun disturbo. La cosa piu’ importante e’ la valutazione: per esempio, anche nei casi semplicemente sospetti di insufficienza venosa, e’ consigliabile una visita da un angiologo-chirurgo vascolare, che abbia esperienza in malattie cardiovascolari periferiche”. A rischiare sono anche “le donne che portano i tacchi, quelle che conducono una vita sedentaria o che si muovono poco e male e quelle che hanno familiarita’ con certe problematiche e disturbi”.

Per quanto riguarda l’abbigliamento, oltre ai tacchi vertiginosi – non dovrebbero superare i 5 cm – attenzione anche ai vestiti troppo aderenti che, bloccando la circolazione sanguigna, favoriscono l’insorgere della cellulite. “Gli indumenti molto stretti, soprattutto all’inguine, agiscono come se fossero un laccio emostatico”, sottolinea Lanza. Il pericolo non viene solo dall’abbigliamento, ma anche da posture scorrette. Stare troppo a lungo in piedi o, al contrario, stare a lungo seduti, magari con le gambe incrociate, e’ nocivo in pari misura. La soluzione? Sicuramente una costante attivita’ sportiva, ma anche piccoli accorgimenti quali salire le scale con passo deciso, alzarsi quando possibile dalla scrivania e fare brevi e semplici esercizi con cadenza oraria. Non si dimentichi, infine, che e’ possibile contribuire al benessere e all’avvenenza delle gambe con una corretta alimentazione.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti