Ci sono vittime nell’esplosione in un impianto chimico di Leverkusen

27 luglio 2021

Una vittima nell’esplosione di oggi in un impianto chimico di Leverkusen, in Germania. Il bilancio conta anche 16 feriti due dei quali in grave condizione e quattro dispersi tra i dipendenti. Dopo l’incidente, la società Currenta che gestisce l’impianto aveva reso noto che due dipendenti erano rimasti gravemente feriti e altre cinque persone erano ritenute scomparse. Le ragioni dell’esplosione rimangono poco chiare. Tuttavia, è stato accertato che una cisterna è esplosa in un centro di trattamento e stoccaggio dei rifiuti.

L’Ufficio federale della protezione civile ha classificato l’evento nel livello di allerta “Extreme Danger” (Pericolo estremo). L’azienda Currenta proprietaria del sito ha chiesto ai residenti di rimanere in casa e di chiudere porte e finestre, per evitare pericolose infiltrazioni dall’esterno. Vigili del fuoco, soccorritori e polizia si sono recati in massa sul luogo dell’incidente. Anche la città di Leverkusen raccomanda alla cittadinanza dei quartieri più colpiti (Buerrig, Rheindorf e Opladen) di rimanere al chiuso e chiudere porte e finestre dopo l’esplosione di questa mattina al locale impianto chimico. Le autostrade e le strade a scorrimento veloce nei dintorni del Chempark sono chiuse al traffico. Il consiglio a tutti gli abitanti della città è quello di accendere la radio locale e monitorare le notizie sugli altri media locali per rimanere informati, senza intasare le linee telefoniche di vigili del fuoco e polizia.

Leggi anche:
Bulgaria, ecco i pestaggi di chi chiede le dimissioni del premier
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti