Ecco la Juve targata Sarri, CR7-Dybala al centro

Ecco la Juve targata Sarri, CR7-Dybala al centro
Maurizio Sarri
20 giugno 2019

Staccarsi di dosso l’etichetta di integralista non sara’ un problema per Maurizio Sarri. Il suo passato lo testimonia, il tecnico della Juventus ha abbracciato diversi moduli nella sua carriera, adattandosi al parco giocatori a disposizione. “Non si parte dal modulo, si deve capire quali giocatori sono adatti, conoscerli, parlare con loro e intorno ai giocatori piu’ qualitativi costruire il modulo”, e’ la strategia annunciata dal bianconero. Ecco perche’ gia’ nelle prossime ore il nuovo allenatore bianconero volera’ alla volta della Grecia, per incontrare Cristiano Ronaldo, punto fermo del suo progetto insieme a Paulo Dybala.

“Voglio parlare con due o tre giocatori per condividere – spiega -. Nelle imposizioni ci credevo 20-30 anni fa, ora l’eta’ mi insegna che bisogna andare a condividere”. “I giocatori che possono cambiarci la storia sono quelli offensivi – e’ la convinzione di Sarri -. Abbiamo bisogno di grandi giocatori, sta a noi organizzarli per rendere al meglio”. Una struttura solida per reggere il potenziale offensivo bianconero: “Negli ultimi 30 metri bisognera’ partire dai talentuosi, da Ronaldo, Dybala e Douglas Costa”. Una certezza, rappresentata dal cinque volte Pallone d’oro, ma anche due talenti da rilanciare come l’argentino e soprattutto il brasiliano: “Douglas Costa e’ un potenziale top player, ancora non esploso con continuita’. Bisogna partire da questi giocatori di grande talento e vedere cosa costruirgli intorno”.

Nessuna preclusione su moduli e uomini, anche se pare difficile poter rivedere di nuovo insieme Sarri e Higuain: “Voglio bene al Pipita, lo sapete, dipendera’ da lui. Allenare Ronaldo? Credo sia un escalation anche sotto questo punto di vista, si va al top mondiale. Un ragazzo che detiene quasi tutti i record che si possono avere nel calcio mondiale, mi piacerebbe fargliene battere qualcun altro”. Saranno al centro del progetto tattico di Sarri anche Pjanic, nonostante le voci di mercato che lo volevano altrove, e Bernardeschi: il primo sostituto naturale del fedele Jorginho, il secondo uno dei talenti italiani maggiormente apprezzati dal tecnico. “Per me Bernardeschi deve specializzarsi, deve giocare con continuita’ in un solo ruolo. Pjanic vorrei vederlo toccare 150 palloni a partita”.

Leggi anche:
L'Inter in semifinale di Europa League, Bayer battuto 2-1
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti