La Lazio si ferma al palo, contro il Verona è 0-0

La Lazio si ferma al palo, contro il Verona è 0-0
5 febbraio 2020

Nel recupero del 17esimo turno di Serie A, all’Olimpico la Lazio è fermata sullo 0-0 dal Verona e manca il sorpasso all’Inter. Tante le occasioni da una parte e dall’altra: i biancocelesti possono recriminare per i due pali colpiti da Luis Alberto, ma devono anche ringraziare Strakosha, autore di alcuni interventi strepitosi. Per la Lazio è il 17esimo risultato utile consecutivo in campionato: Inzaghi eguaglia il record di Eriksson.

LA CRONACA

Per la Lazio un solo cambio di formazione dopo il successo sulla Spal. C’è Patric in difesa al posto di Bastos. È ancora out Correa, che non va neanche in panchina, e così è confermatissimo Caicedo in coppia con Immobile in attacco. Intoccabili anche Milinkovic-Savic, Leiva e Luis Alberto. Sul fronte opposto, anche per il Verona un solo cambio di formazione rispetto alla trasferta contro il Milan, obbligato: out Amrabat per squalifica (espulso proprio nel match di San Siro). Conferme per gli altri dieci: Pessina arretra a centrocampo, con l’inserimento di Borini (alla prima da titolare) alle spalle dell’unica punta, Verre, che vince il ballottaggio con Di Carmine.

Il primo tempo è subito ricco di emozioni all’Olimpico, anche se il risultato rimane fermo sullo 0-0. Prima chance del match per il Verona, con un grande riflesso di Strakosha a dire di no all’inserimento centrale di Pessina. La Lazio si sveglia poco dopo, con un tentativo in area di Immobile chiuso da Silvestri in uscita. Tanto quanto Strakosha, il portiere del Verona sarà super anche su Luis Alberto al 37′, il cui tiro a giro dal limite viene smanacciato in corner con un grande intervento. Nel recupero, dunque, ancora il 10 di Inzaghi sfiorerà il gol, con un palo dal limite.

Leggi anche:
L'Inter dona 300mila mascherine alla Protezione civile

Quindi la ripresa, che si apre senza cambi e senza grandi occasioni nei primi minuti. Una percussione centrale di Leiva viene chiusa sul più bello dalla difesa di Juric, e un tiro di Lazovic viene bloccato in due tempi da Strakosha. Ma, soprattutto, arriva il secondo palo di giornata di Luis Alberto al 67′, col legno a negargli ancora una volta la gioia del gol (quarto per lui in stagione, primo pari merito a Insigne e Mertens). Inzaghi prova allora a cambiare qualcosa cambiando esterni: dentro Jony e Marusic per Lulic e Lazzari. Mentre Juric sceglie Eysseric per Verre (vicino al gol con un tiro dal limite poco prima del cambio). La Lazio continua a provarci (Parolo per Caicedo nel finale) ma la serata sembra stregata. Strakosha salva ancora su Borini, mentre è il solito Luis Alberto l’ultimo ad arrendersi, persino all’ultimo dei cinque di recupero: prima la botta dal limite (ancora super Silvestri), poi un tiro-cross a giro largo di un soffio. Finisce così: tante emozioni, zero gol.

IL TABELLINO

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Patric, Acerbi, Radu; Lazzari (71′ Marusic), Milinkovic-Savic, Lucas Leiva, Luis Alberto, Lulic (71′ Jony); Caicedo (84′ Parolo), Immobile. All. S. Inzaghi

HELLAS VERONA (3-4-2-1): Silvestri; Rrahmani, Kumbulla, Günter; Lazovic, Veloso, Pessina, Faraoni; Zaccagni, Borini (89′ Dawidowicz); Verre (70′ Eysseric). All. Juric

Leggi anche:
Entro aprile una decisione su Silverstone (17-19 luglio)

Ammoniti: Kumbulla (V), Milinkovic-Savic (L), Jony (L), Radu (L), Rrahmani (V)

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti