La morte di Lady Oscar diventa trending topic su Twitter

14 luglio 2020

Uno dei traumi più grandi. Così viene ricordata sui social la morte di Lady Oscar, celebre cartone animato degli anni Novanta che raccontava le gesta di Oscar, uno dei soldati al servizio della corte di Francia di Luigi XIV che poi passò alla resistenza. La serie animata usciva in Giappone nel 1979 prodotto dalla Tokio Movie Shinsha con il nome di “Le rose di Versailles”, tratta dal manga del 1972 di Riyoko Ikeda. Ribattezzata Lady Oscar nel nostro Paese approdò il 1 marzo 1982 su Italia 1 (ancora di proprietà della Rusconi) diventando immediatamente un cartone cult fra i più amati di tutti i tempi. Lady Oscar si distingue immediatamente dagli altri cartoni animati per l’alone di tragedia che lo segna fin dall’inizio.

Fin dal primo episodio, infatti, ambientato in Francia nella seconda metà del Settecento, si conosce il destino di Maria Antonietta e del Paese che, qualche anno dopo, verrà investito dall’ondata rivoluzionaria. Il 14 luglio 1789, giorno della presa della Bastiglia, Oscar morì combattendo contro la monarchia come ricorda la pellicola che romanza una delle pagina più note della storia mondiale. Oggi Lady Oscar è tra i trending topic di Twitter, dove decine di persone ricordano il momento in cui viene uccisa dopo aver pianto la morte del suo amato Andrè avvenuta solo il giorno prima. In Lady Oscar si incarna anche lo spirito di ribellione femminile.

Leggi anche:
Hiroshima e Nagasaki, a 75anni cosa resta del dramma della bomba

Indebolita fisicamente e psicologicamente da un principio di tisi, la bionda eroina cadde durante i tumulti della Rivoluzione francese e celebre è al voce fuori campo che tutti ricordano dopo la scena della morte: “Oscar François de Jarjayes moriva. Un’ora dopo la sua morte, il ponte si abbassava. La Bastiglia si arrendeva”. Il cartone che ha appassionato molte generazioni è uno dei più amati, motivo per cui tanti ragazzi e anche non più giovanissimi ricordano quell’episodio come uno dei più toccanti.

Perché oggi in molti parlano della morte di Lady Oscar

Uno dei traumi più grandi. Così viene ricordata sui social la morte di Lady Oscar, celebre cartone animato degli anni Novanta che raccontava le gesta di Oscar, uno dei soldati al servizio della corte di Francia di Luigi XIV che poi passò alla resistenza. Il La serie animata usciva in Giappone nel 1979 prodotto dalla Tokio Movie Shinsha con il nome di “Le rose di Versailles”, tratta dal manga del 1972 di Riyoko Ikeda.

Ribattezzata Lady Oscar nel nostro Paese approdò il 1 marzo 1982 su Italia 1 (ancora di proprietà della Rusconi) diventando immediatamente un cartone cult fra i più amati di tutti i tempi. Lady Oscar si distingue immediatamente dagli altri cartoni animati per l’alone di tragedia che lo segna fin dall’inizio. Fin dal primo episodio, infatti, ambientato in Francia nella seconda metà del Settecento, si conosce il destino di Maria Antonietta e del Paese che, qualche anno dopo, verrà investito dall’ondata rivoluzionaria.

Leggi anche:
Gp Repubblica Ceca, Bradl al posto dell'infortunato Marquez

Il 14 luglio 1789, giorno della presa della Bastiglia, Oscar morì combattendo contro la monarchia come ricorda la pellicola che romanza una delle pagina più note della storia mondiale. Oggi Lady Oscar è tra i trending topic di Twitter, dove decine di persone ricordano il momento in cui viene uccisa dopo aver pianto la morte del suo amato Andrè avvenuta solo il giorno prima.

In Lady Oscar si incarna anche lo spirito di ribellione femminile. Indebolita fisicamente e psicologicamente da un principio di tisi, la bionda eroina cadde durante i tumulti della Rivoluzione francese e celebre è al voce fuori campo che tutti ricordano dopo la scena della morte: “Oscar François de Jarjayes moriva. Un`ora dopo la sua morte, il ponte si abbassava. La Bastiglia si arrendeva”. Il cartone che ha appassionato molte generazioni è uno dei più amati, motivo per cui tanti ragazzi e anche non più giovanissimi ricordano quell’episodio come uno dei più toccanti.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti